Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il programma per la scuola di Lorenzo Fioramonti: “Tassa su merendine e bibite”

Immagine di copertina
Credits:AFP

Il programma per la scuola di Lorenzo Fioramonti: “Tassa su merendine e bibite”

Il nuovo ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti anticipa alcune proposte del suo programma per il mondo della scuola: “Servono delle micro tasse di scopo: una tassa sulle merendine, una sulle bevande zuccherate, un’altra sui biglietti aerei”, afferma in un’intervista al Corriere del 5 settembre.

Secondo il ministro, infatti, queste piccole tasse potrebbero portare alle casse dello stato ben 2,5 miliardi da investire “in scuola e ricerca”. Fioramonti è stato viceministro dell’Istruzione nel governo giallo-verde a fianco di  Nicola Bussetti, per questo non rinnega il lavoro del precedente esecutivo ma ritiene che si debbano trovare maggiori fondi per aumentare i finanziamenti alla scuola.

A suo dire servirebbe una sorta di “Iva strategica” su beni di consumo come appunto le merendine. Anche per le “classi pollaio” è necessaria una soluzione che imiti il modello “tedesco” dove gli studenti in classe sono molti meno: “I miei figli vanno a scuola in Germania e lì sono 21 in classe”, afferma.

In molti si sono domandati per quale ragione Fioramonti abbia mandato i figli a scuola in Germania. La scelta, stando alle sue dichiarazioni, non è stata determinata  da una “sfiducia” nei confronti del sistema scolastico italiano, ma da motivi personali: la moglie del ministro è tedesca e vive in Germania per stare vicina ai genitori malati.

Chi è Lorenzo Fioramonti

Lorenzo Fioramonti, classe 1977, è stato vice ministro al Ministero dell’istruzione, dell’Università e della ricerca nel Governo Conte. È laureato in Storia del pensiero politico ed economico moderno alla facoltà di Filosofia dell’Università Tor Vergata di Roma e ha proseguito la carriera accademica con un dottorato in Scienze Politiche all’Università di Siena. È professore ordinario di Economia politica presso l’Università di Pretoria e direttore del Centro per lo studio dell’innovazione Governance (GovInn) dello stesso ateneo.

Dal 1997 al 2000 è assistente parlamentare e collabora con Antonio Di Pietro alle politiche per i giovani delle periferie. A gennaio 2018 si candida con il Movimento 5 Stelle e alle politiche di marzo 2018 viene eletto nel collegio uninominale di Roma. A giugno riceve la nomina di sottosegretario presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca nel Governo Conte e a settembre 2018 il Consiglio dei ministri lo nomina vice ministro all’Istruzione.

Chi è Lorenzo Fioramonti, il ministro dell’Istruzione del governo Pd-M5S
Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: "Sconcertato dalle parole di Draghi, grave che un premier tecnico si intrometta"
Politica / “Draghi ha chiesto a Grillo di cacciare Conte dal M5S perché inadeguato”: la rivelazione bomba di Domenico De Masi
Politica / Elezioni Verona, Veronica Atitsogbe a TPI: “Volevo sentirmi parte attiva della città. Con Tommasi ora si può”
Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: "Sconcertato dalle parole di Draghi, grave che un premier tecnico si intrometta"
Politica / “Draghi ha chiesto a Grillo di cacciare Conte dal M5S perché inadeguato”: la rivelazione bomba di Domenico De Masi
Politica / Elezioni Verona, Veronica Atitsogbe a TPI: “Volevo sentirmi parte attiva della città. Con Tommasi ora si può”
Politica / Draghi: "Putin non verrà al G20". La replica del Cremlino: "Non decide lui"
Politica / M5s, Grillo: “Il limite dei due mandati non si tocca”. Malumori tra i deputati: “Serve una deroga”
Politica / Verona, Tosi sulla disfatta del centrodestra: “Meloni si è impuntata sul candidato sbagliato”
Politica / Chi è Veronica Atitsogbe, la prima italiana di seconda generazione a presiedere il Consiglio comunale di Verona
Politica / Cuppi (Pd) a Tpi: “2023? Andiamo avanti come a Verona. Renzi e Calenda rifletteranno dopo questa vittoria”
Politica / Anticipazione TPI, Esclusivo Report: il business sui rifiuti a Roma, così i costi sono lievitati da 40 a 200 euro a tonnellata per lo smaltimento. Gualtieri: “Termovalorizzatore unica soluzione”
Politica / Ballottaggi, il centrosinistra vince in 7 capoluoghi: storico trionfo a Verona