M5s, Luigi Di Maio presenta i facilitatori: “Ecco il team del futuro”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 15 Dic. 2019 alle 19:41 Aggiornato il 16 Dic. 2019 alle 11:19
63
Immagine di copertina

M5s, Luigi Di Maio presenta i facilitatori: “Ecco il team del futuro”

“É arrivato il momento di decidere quali sono i nuovi temi e le nuove esigenze degli italiani: lo faremo con gli Stati Generali che convocheremo per scrivere la carta del futuro nei prossimi 20 anni”. Sono le parole di Luigi Di Maio alla presentazione dei 24 facilitatori del M5s, che si è tenuta oggi – domenica 15 dicembre – al Tempio di Adriano di Roma.

Le figure, scelte con 20.584 voti (pari all’84 per cento dei partecipanti) sulla piattaforma Rousseau, saranno fondamentali per la nuova organizzazione lanciata dal capo politico dei pentastellati. Il “Team del futuro”, così come è stato definito dal moVimento, è composto da: Luciano Cadeddu (Agricoltura e pesca), Giampiero Trizzino (Ambiente), Vincenzo Presutto (Economia), Iolanda Di Stasio (Esteri e Ue), Valentina D’Orso (Giustizia e Affari istituzionali), Gennaro Saiello (Imprese), Luca Carabetta (Innovazione), Dino Giarrusso (Istruzione, ricerca e cultura), Maria Pallini (Lavoro e famiglia), Valeria Ciarambino (Sanità), Luca Frusone (Sicurezza e difesa) e Andrea Cioffi (Trasporti e infrastrutture).

Paola Taverna (Attivismo locale), Danilo Toninelli (Campagne elettorali), Emilio Carelli (Comunicazione), Enrica Sabatini (Coordinamento e affari interni), Barbara Floridia (Formazione e personale) e Ignazio Corrao (Supporto enti locali amministrati dal M5S) sono invece i facilitatori organizzativi nazionali.

Su sfondo blu campeggiava la scritta “Il futuro è ora” e, sempre alla presentazione, era presente il presidente dell’Associazione Rousseau Davide Casaleggio, insieme a deputati, senatori ed esponenti 5 Stelle dell’esecutivo come Laura Castelli ed Angelo Tofalo.

“Stasera con questo evento – ha dichiarato Di Maio – possiamo chiudere un primo step di un processo di riorganizzazione partito quasi un anno fa e non è stato semplice. L’anno che sta per concludersi è quello in cui il Movimento ha raggiunto i dieci anni. Siamo l’unica forza politica che fa decidere direttamente agli iscritti, anche se formare il governo. Gli unici a concepire un programma partecipato, per farlo diventare un programma di governo”.

“Il M5S sta contribuendo – ha poi proseguito il ministro degli Esteri – con piccoli passi a migliorare la vita delle persone. Questo perché 10 anni fa abbiamo messo competenze, idee e voglia di partecipazione. A volte una cosa buona deve finire affinché ne nasca un migliore. Oggi con la nascita del Team del Futuro permettiamo al Movimento di pensare ai prossimi dieci anni. Oggi nasce il Team del Futuro che non è la panacea di tutti i mali, non risolve tutti i problemi. È fatto di facilitatori, non di decisori”.

Di Maio ha infine annunciato quali sono i prossimi passi per il M5s: “Entro la terza settimana di gennaio avremo i facilitatori regionali, che sono il secondo step della riorganizzazione”. Poi sarà la volta degli “stati generali del movimento per progettare i prossimi vent’anni dell’Italia”.

Salvini minaccia la querela a Di Maio: “Se continua a parlare di mercato delle vacche, sarò costretto”

63
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.