Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Vincenzo Bianconi a TPI: “Con me vincono accoglienza e futuro dell’Umbria, con la Lega gli interessi di Salvini”

Immagine di copertina
Conte e Bianconi durante la chiusura della campagna elettorale a Narni. Credit: ANSA/MATTEO CROCCHIONI

TPI ha intervistato il candidato alla presidenza dell'Umbria della coalizione PD-M5S: "La Lega usa i più deboli per alimentare la paura. Io propongo un modello di democrazia partecipata per rilanciare la regione da qui ai prossimi 20 anni"

“Noi siamo una regione inclusiva, da sempre aperta ad aiutare i più deboli: immigrati, lavoratori, studenti che non si possono permettere l’università. Dall’altra parte c’è la Lega, che usa i più deboli per alimentare paura con slogan da piazza. Ma Salvini fa gli interessi suoi, non quelli degli umbri”.

A meno di 48 ore dall’inizio del voto in Umbria, e nell’ultimo giorno di campagna elettorale, Vincenzo Bianconi, il candidato della coalizione che comprende PD e M5S, parla a TPI di cosa è in gioco in queste elezioni regionali, illustrando le politiche che vorrebbe mettere in campo e in cosa il suo modello  si differenzia da quello della destra.

Il tutto in una  sfida, quella di domenica, che ha messo l’Umbria al centro del dibattito nazionale. La coalizione PD-M5S, in questa prima prova di alleanza politica, si gioca molto.

Qui in Umbria in tanti, compresi molti esponenti politici di centrosinistra, ritengono che la regione si sia retta per decenni su un modello assistenziale ormai insostenibile. Qual è a suo parere il nuovo modello di sviluppo che può rilanciare la regione?

Il termine “assistenzialismo” non mi piace e non lo userei in questo contesto. Di sicuro questa regione non ha avuto il coraggio di fare scelte di campo. Abbiamo sempre mediato, come del resto è avvenuto in tutta Italia.

A me piace sempre prendere come esempio la Germania, che dopo la caduta del muro si è messa in discussione come popolo. Hanno costruito dalle difficoltà un modello che dopo anni di sacrifici li ha portati a diventare una nazione con un benessere diffuso.

L’Umbria, in maniera analoga, si deve mettere in discussione. Non sarà un presidente o una giunta regionale a cambiare il motore della regione.

Serve comunque una visione di prospettiva da qui ai prossimi 20 anni, sulla base della quale costruire la risoluzione dei problemi quotidiani.

Non si può continuare a fare programmazione politica in un’ottica clientelare e di breve periodo, altrimenti le nostre città non si evolveranno mai.

Le persone devono tornare ad essere al centro della politica e partecipi dei processi e delle scelte che condizioneranno la loro vita.

Per questo ho proposto un modello di democrazia partecipata, che riavvicinerà le persone alla politica. Saranno le persone a decidere in funzione dei loro ambiti. La politica non starà più chiusa nei palazzi, ma andrà nelle comunità.

Quando parla di democrazia partecipativa, un tema caro al Movimento Cinque Stelle, a cosa si riferisce esattamente? L’approvazione di leggi proposte dal Consiglio regionale passerà per un voto popolare, come avviene sulla piattaforma Rousseau?

Non è esattamente così che si svolgeranno le cose. Ci saranno momenti di informazione, di discussione, tavoli di lavoro sui territori che permetteranno alle persone di identificare delle priorità.

Sulla base di queste informazioni, gli organi istituzionali decideranno scelte e modalità di sostegno in termini di bandi di finanziamento e processi di sviluppo.

Lei ha detto che, in caso di vittoria, sceglierà gli assessori sulla base di un bando pubblico finalizzato a individuare le figure più competenti. Diversi esponenti del PD con cui abbiamo parlato non sembrano condividere questo metodo, e temono una eccessiva svalutazione e delegittimazione della politica.

L’idea di selezionare in questo modo la giunta è legata inscindibilmente alla mia decisione di accettare la candidatura, quindi fa parte in maniera strutturale della proposta che abbiamo formulato come coalizione.

Vogliamo cambiare davvero la gestione di questa regione, e questo non si fa per slogan ma con un metodo. Fa parte del metodo anche la selezione degli assessori per competenze ed esperienze.

Ma, ribadisco, sarà sempre una scelta di coalizione. Non mi sveglierò la mattina e sceglierò tutto da solo, si tratterà di decisioni collegiali.

Gli assessorati li costruiremo sulla base dell’aggregazione di materie che possano creare valore per questa regione.

Mi può elencare le 2-3 leggi più importanti che vorrebbe far approvare nel primo anno di presidenza, per iniziare un percorso di rilancio di una regione che ha avuto 170 crisi industriali negli ultimi anni e che cresce meno delle altre?

Quando parlo di democrazia partecipata mi riferisco anche al fatto di riportare le comunità economiche al centro del dibattito.

La Regione nei prossimi anni gestirà 2 miliardi di euro da fondi comunitari. Sono soldi da investire in un ampio disegno di sviluppo, altrimenti si riveleranno inutili.

Quanto alle proposte specifiche, noi puntiamo molto sullo sviluppo green e l’economia circolare. Vogliamo realizzare misure volte al recupero delle aree industriali dismesse.

Costituiremo un consorzio a partecipazione regionale per facilitare l’accesso al credito per le nostre medie e piccole aziende, così che possano avere sufficienti risorse per competere.

Inoltre, puntiamo alla creazione di un “competence centre” rivolto ai giovani per aiutarli a scegliere un percorso formativo e di ampliamento delle competenze.

In questo modo quei giovani saranno al passo con il processo di sviluppo della regione. In Umbria ci sono molte aziende che cercano persone da assumere ma non ne trovano di qualificate e funzionali al loro disegno strategico.

Aggiungo anche l’attenzione che metteremo ai bandi pubblici, che non saranno improntati solo al massimo ribasso, ma anche ad un’attenta valutazione sulla ricaduta sociale degli investimenti. Verranno premiati i progetti che garantiscono la qualità dei contratti di lavoro.

Siccome ha parlato di bandi pubblici, il pensiero non può non andare agli scandali che hanno fatto cadere la giunta Marini. Lei che parere dà della vicenda Sanitopoli?

La sanità di questa regione fa parte delle eccellenze italiane. Non lo dico io, lo dicono gli indicatori nazionali, che ci vedono tra le tre migliori regioni in Italia in questo ambito.

Come risultato di questa buona gestione, infatti, abbiamo in dote quattro milioni in più da investire, che useremo per la riduzione delle liste d’attesa.

Lo scandalo a cui si riferisce non è inquadrabile come uno “scandalo sanità”, quanto piuttosto come uno scandalo legato ai concorsi, che infatti è stato definito “concorsopoli”.

È chiaro che quanto emerso in quella vicenda è sbagliato, inaccettabile, che una regione deve garantire che merito e trasparenza siano al centro.

Difatti non solo nella sanità, ma in tutti gli ambiti i concorsi pubblici che faremo saranno inattaccabili. Lavoreremo per questo e la tecnologia ce lo consente.

Lei ha detto di venire da una famiglia non politicizzata, e si è discusso del fatto che, in passato, alle elezioni comunali a Norcia votò per un candidato di centrodestra. Le chiedo: la differenza tra destra e sinistra secondo lei esiste ancora? E se sì, qual è?

Io ho sempre valutato le persone e i progetti. In passato ho votato una lista civica di orientamento di centrodestra, perché c’era un sindaco che da 6 anni amministrava la città e aveva un approccio corretto sulla ricostruzione post-terremoto. L’ho considerata quindi la scelta più giusta per mia comunità.

Alle elezioni precedenti avevo votato Francesco Filippi, candidato sindaco in una lista civica di orientamento di centrosinistra.

L’elezione ancora precedente, ho votato per Gianpaolo Stefanelli, poi diventato sindaco, anche lui espressione di una lista di centrosinistra. Non mi sono mai legato ai partiti, ma a un’idea di sviluppo e di concretezza.

Quindi la differenza tra destra e sinistra non c’è?

Ci sono sicuramente degli approcci diversi, che sono venuti fuori anche in questa campagna elettorale.

Sul fronte opposto al nostro, a fare campagna elettorale sono stati i leader nazionali, utilizzando come strumento principale la paura e l’odio contro i deboli.

È chiaro che questo segna una differenza tra le due proposte di gestione della regione.

L’Umbria è sempre stata inclusiva e un modello in tanti ambiti. In questa regione gli studenti con problemi economici trovano accoglienza come da nessun’altra parte in termini di vitto e alloggi universitari.

Ha appena parlato della destra che alimenta la paura. Lei sul fronte dell’immigrazione come intende muoversi? Contrasterebbe apertamente, ad esempio, i decreti sicurezza e le conseguenze che hanno avuto sul territorio (pensiamo agli Sprar e ai Cas)?

Io credo che l’integrazione nella nostra comunità debba avvenire attraverso il lavoro.

Siamo una piccola regione, è possibile creare integrazione sociale con piccoli gruppi di immigrati che si collocano nelle nostre comunità e che danno indietro un aiuto in termini di gestione, ad esempio nella manutenzione che comuni spesso riescono a fare.

Altre forme di integrazione legate al lavoro devono poi essere definite comune per comune a seconda delle esigenze della amministrazioni locali.

Perché gli umbri dovrebbero temere una vittoria della destra a trazione leghista?

Per diverse ragioni: innanzitutto c’è la loro idea delle autonomie regionali, che per l’Umbria sarebbe un pericolo. La nostra regione non è in grado di tenersi in piedi solo con le proprie risorse, e il progetto autonomista comporterebbe un drastico cambio nella gestione dei servizi.

In secondo luogo c’è la questione già analizzata della chiusura verso immigrati e soggetti più deboli.

Aggiungerei il progetto di privatizzare sempre di più nel settore della sanità, che noi invece vogliamo mantenere pubblica. In generale direi che noi parliamo di contenuti, mentre dall’altra parte si sentono slogan da piazza.

Può farmi il nome di un amministratore locale a cui si ispira e che prenderebbe come modello per la gestione della regione?

Sicuramente il sindaco di Milano Beppe Sala: è il mio eroe. Il motivo? La sua visione di futuro, il suo coinvolgimento della città nelle scelte e i risultati che ha ottenuto in una piazza come quella di Milano.

Qual è, in due parole, il suo giudizio su Matteo Salvini?

Credo che l’approccio che sta avendo Salvini in questa campagna elettorale non sia utile agli umbri. Lui sta portando in questo territorio interessi che non sono quelli degli umbri, ma i suoi. Questo non lo considero corretto.

Elezioni in Umbria, il reportage di TPI (parte 1): “Qui c’è la rivolta dei raccomandati, ma l’assistenzialismo ormai è morto”

Elezioni in Umbria: il reportage di TPI (parte 2): “La sinistra qui ha dimenticato i lavoratori, ma chi difende i diritti ha paura di Salvini”

Elezioni in Umbria: i candidati e le liste

Chi è Donatella Tesei, la candidata del centrodestra alle elezioni regionali in Umbria

Elezioni Umbria Bianconi: chi è il candidato presidente di PD e M5S

Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi? In pensione a 59 anni con 14mila euro lordi al mese
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Politica / “Cari parlamentari, perché non avete avuto il coraggio di votare apertamente una legge contro i crimini d’odio?”. Parla Monica Cirinnà
Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi? In pensione a 59 anni con 14mila euro lordi al mese
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Politica / “Cari parlamentari, perché non avete avuto il coraggio di votare apertamente una legge contro i crimini d’odio?”. Parla Monica Cirinnà
Politica / Roberto Calderoli, artefice della strategia che ha affossato il Ddl Zan: “Ho proprio goduto”
Politica / La gaffe di Giarrusso al Parlamento Europeo: non riesce a parlare in inglese e rinuncia al suo intervento | VIDEO
Politica / Pensioni, Draghi tende la mano ai sindacati: per un anno Quota 102 poi riforma. Stretta al Reddito di cittadinanza
Politica / L'affossamento del Ddl Zan al Senato apre la corsa di Casini al Quirinale (di M. Antonellis)
Politica / Ddl Zan, Bonetti (Italia Viva): “Noi trasparenti. Irresponsabile insistere, serviva dialogo”
Politica / Ddl Zan, Renzi in Arabia Saudita nel giorno del voto. Il leader di Italia viva: “Colpa di Pd e M5s”
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”