Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Toscana: la Ceccardi perde anche a Cascina, dove è stata sindaca

Immagine di copertina
Giani e Ceccardi Credits: Twitter

Il candidato di centrosinistra Eugenio Giani ha vinto le elezioni regionali in Toscana con il 48,6 per cento dei voti. Uno dei risultati più notevoli arriva da Cascina, la terra di Susanna Ceccardi, il comune che conquistò con la Lega nel 2016 diventando sindaca e nel quale è tornata per la chiusura della campagna elettorale. A Cascina la Ceccardi finisce ko contro Eugenio Giani, che sfiora il 50 per cento contro il quasi 39 per cento della rivale.

E, a livello di partito, la Lega non va oltre il 26 per cento contro il 37 per cento del Pd. Anche in casa dunque la sfidante del centrosinistra alle regionali non riesce a sfondare, ponendo dubbi seri su chi sarà il nuovo sindaco nello spoglio di martedì mattina, quando dalle urne di Cascina uscirà anche il nome del nuovo primo cittadino.

Giani invece vince grazie al trionfo in tre province-chiave, che in una Toscana in cui il centrodestra ha conquistato diversi comuni rimangono fortini rossi: Firenze, Prato e Livorno, che sono anche le tre province più popolose. Qui i numeri non mentono. In provincia di Firenze Giani batte Ceccardi 57 per cento a 31 per cento.

A Prato finisce 48 per cento a 40 per cento per il centrosinistra. In provincia di Livorno Giani vince 46 per cento a 38 per cento , per quanto la percentuale del centrodestra sia lusinghiera in una provincia di tradizioni fortemente radicate a sinistra.

Per fare un confronto: cinque anni fa, nel 2015, al secondo posto arrivò il candidato del Movimento Cinque Stelle Giannarelli, mentre Claudio Borghi, in un centrodestra pur non unito, raccolse solo il 17.3 per cento. Adesso invece la Lega passa dal 14 per cento del 2015 al 22 per cento . Fratelli d’Italia dal 2 per cento al 12 per cento .

La Ceccardi va bene solo nelle province di Massa Carrara, Arezzo, Grosseto, Pistoia e Lucca, le prime quattro con i comuni capoluogo a trazione centrodestra. In provincia di Massa Carrara vince il centrodestra 45 per cento a 43 per cento , in provincia di Lucca risultato nettissimo, con la Ceccardi al 50 per cento contro il 39 per cento di Giani. Anche in provincia di Grosseto la vittoria è netta per Ceccardi, 47 per cento a 42 per cento.

Leggi anche: Referendum ed elezioni regionali 2020: i risultati definitivi

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.