Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Elezioni, Salvini: “Se vinciamo, la Lega si occuperà di immigrazione e sicurezza”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/ FILIPPO VENEZIA

Il leader della Lega, Matteo Salvini, durante un comizio a Ostia, ha detto che “su immigrazione e sicurezza” qualcosa ha fatto e sarebbe “in grado di fare”. Poi ha sottolineato che se il centrodestra vincerà le elezioni, a occuparsi di sicurezza e immigrazione “sarà un uomo o una donna della Lega”. E ha aggiunto: “I confini torneranno a essere protetti e la sicurezza tornerà a essere una priorità. Dal 26 settembre, se vinciamo, reintroduciamo i decreti sicurezza della Lega e l’immigrazione torna ad essere controllata”.

E su Enrico Letta ha detto: “è riuscito a farsi fischiare al Meeting di Rimini, una cosa che mai in passato era riuscita a qualcuno”. E ha proseguito: “Ha fatto una proposta che non so come l’ha pensata, non so che come gli è venuta, nemmeno in piena notte, dopo un gin tonic, ti viene una cosa del genere. Ha proposto l’asilo dell’obbligo e il liceo dell’obbligo, e si è preso i fischi”. Salvini ha chiesto: “Ma perché uno a 16 anni che vuole andare a lavorare, deve essere costretto ad andare a scuola? Perché un bambino di 4 anni deve andare all’asilo statale?”. E ha aggiunto che questa è “la mentalità statalista, centralista, burocratica, dove tutto lo decide lo stato”.

Il leader del Carroccio poi ha parlato della flat tax sostenendo che a sinistra “non la capiscono”e “continuano a dire che non si può fare”. E ha aggiunto che “è già realtà”. Riferendosi a Carlo Calenda ha detto: “O ci è o ci fa, dice che flat tax aiuta Berlusconi”. Ha poi aggiunto che il leader di Forza Italia non ne ha bisogno: “Noi la vogliamo mettere alle famiglie fino a 70 mila euro di reddito, che non sono famiglie ricche. I soldi sono già in gran parte stanziati con la riforma del governo Draghi”, ha detto. E ha proseguito: “La flat tax al 15% è l’unico modo per battere l’evasione fiscale. L’evasione non la batti arricchendo le banche con il bancomat e le carte di credito”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Trionfa Giorgia Meloni, maggioranza al centrodestra. Fdi primo partito, Lega sotto il 10%. Il Pd non raggiunge il 20, M5S al 16,5
Politica / Elezioni regionali Sicilia 2022, i risultati: ecco il vincitore
Politica / Elezioni politiche 2022, chi ha vinto: il vincitore
Ti potrebbe interessare
Politica / Trionfa Giorgia Meloni, maggioranza al centrodestra. Fdi primo partito, Lega sotto il 10%. Il Pd non raggiunge il 20, M5S al 16,5
Politica / Elezioni regionali Sicilia 2022, i risultati: ecco il vincitore
Politica / Elezioni politiche 2022, chi ha vinto: il vincitore
Politica / Elezioni Politiche 2022, i risultati: chi ha vinto, i dati
Politica / Elezioni Politiche 2022, gli exit poll: le proiezioni dei risultati
Politica / Salvini vota e rompe il silenzio elettorale: “Più gente vota più il governo sarà forte sul caro bollette”
Politica / Cos’è il tagliando antifrode presente sulla scheda elettorale e cosa bisogna controllare
Politica / Elezioni | Come votare senza rischiare di annullare la propria scheda
Politica / Affluenza al 64%: è il dato più basso di sempre
Politica / Elezioni Politiche, prime proiezioni: Fdi primo partito, Pd sotto il 20% tallonato dal M5S. Lega all'8 per cento. In calo l'affluenza: alle 19 aveva votato il 51,1%