Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni nelle Filippine: referendum sul presidente Duterte

Immagine di copertina
Credit: Noel CELIS / AFP

Il 13 maggio 2019 i cittadini delle Filippine sono chiamati alle urne per le elezioni di metà mandato per rinnovare metà del Senato, la Camera bassa e diverse amministrazioni locali.

Sono più di 61 milioni i cittadini che si sono registrati per il voto: i seggi sono aperti dalle 6 (ora locale) fino alle 18 e i primi exit poll sono attesi a poche ore dalla chiusura delle urne.

Alle ultime elezioni svoltesi nel 2013 l’affluenza era stata del 77 per cento.

I candidati che si sono presentati alle elezioni di maggio 2019 sono circa 43mila per circa 18mila posti disponibili.

Tutti gli occhi sono puntati principalmente sui 12 seggi al Senato che ricomporranno le forze all’interno della Camera, già dominata da esponenti politici vicini al presidente Duterte.

L’attuale Senato è spesso intervenuto per mitigare le proposte più contraddittorie avanzate dal capo di Stato, come il ripristino della pena di morte o la riformulazione della Costituzione per cambiare la forma di governo.

I risultati delle elezioni sono quindi decisive per il rafforzamento del potere di Duterte.

I sondaggi – Secondo le rilevazioni effettuate prima dell’apertura delle urne, i favoriti sono i partiti vicini a Duterte. È quindi probabile che il presidente riesca a vincere tutti e 12 i seggi a disposizione al Senato.

Duterte, nonostante le sue politiche controverse e che gli sono costate spesso la condanna da parte delle organizzazioni internazionali e dei diritti umani, può contare sul sostegno della maggior parte dei cittadini.

Una possibile vittoria di Duterte, con un conseguente rafforzamento del suo potere, è vista da molti come un rischio per l’indipendenza del Senato.

I candidati – I cittadini possono scegliere tra i candidati pro-Duterte appartenenti a diversi schieramenti e “Otso Diretso”, il blocco dei partiti di opposizione al presidente e che ha costruito la propria campagna elettorale sull’eccessiva espansione della Cina nelle Filippine e sulla guerra contro la droga portata avanti dal presidente.

Le Filippine si ritirano dalla Corte Penale Internazionale: “Attacchi infondati a Duterte”

Ti potrebbe interessare
Politica / Le barricate di Salvini contro il Pd: no a Mattarella bis, no a Draghi al Colle e ad accordo su Capo dello Stato
Politica / Quirinale, Letta: “Propongo un patto di legislatura con un Presidente super partes”
Politica / Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari
Ti potrebbe interessare
Politica / Le barricate di Salvini contro il Pd: no a Mattarella bis, no a Draghi al Colle e ad accordo su Capo dello Stato
Politica / Quirinale, Letta: “Propongo un patto di legislatura con un Presidente super partes”
Politica / Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari
Politica / Anteprima TPI – Mediaset sfida la Rai: pronto un programma d’inchiesta anti-Report
Cronaca / Quirinale, il centrodestra candida Berlusconi e gli chiede di sciogliere la riserva: “È la figura adatta”
Politica / Il Tar del Lazio boccia la Cartabia: stop ai commissari per l’Ordine dei commercialisti
Politica / Tutte le spese di Palazzo Chigi: ecco i ministeri con più fondi
Politica / Dalla Stella Alpina a Italexit: ecco i partiti ammessi al 2 per mille (e quelli esclusi)
Politica / Altro che candidati di alto profilo: ecco la lista degli improponibili per il Quirinale
Politica / La mossa di Draghi per ottenere il Quirinale: promette ai partiti libertà assoluta sulla scelta del suo sostituto