Me

Come sarà il nuovo Parlamento europeo dopo le elezioni

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 27 Mag. 2019 alle 07:56 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:56
Immagine di copertina

Elezioni europee nuovo ParlamentoIl 26 maggio i cittadini dei 28 paesi Ue (Regno Unito compreso nonostante le discussioni sulla Brexit) hanno eletto i loro 751 rappresentanti al Parlamento europeo.

Elezioni europee 2019, risultati definitivi: chi ha vinto e chi ha perso in Italia e in Europa

Le elezioni del 2019 hanno visto un exploit dei partiti di estrema destra, come dimostra il caso dell’Italia e della Francia dove hanno trionfato Lega e Rassemblement di Marin Le Pen.

Ma a trionfare a conti fatti è stato il Gruppo del Partito popolare europeo (Ppe), che secondo quanto emerge dai risultati provvisori aggiornati al 28 maggio i Democratici cristiani hanno la maggioranza in Parlamento.

Euopee 2019: secondo le prime proiezioni, la Lega è il secondo partito in Europa

Al secondo posto si posiziona invece il Gruppo dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici (S&D), seguiti dal Gruppo dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa + Renaissance + USR PLUS.

TUTTE LE NOTIZIE SULLE ELEZIONI EUROPEE

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE ELEZIONI EUROPEE 2019

Ma a crescere esponenzialmente in quest’ultima tornata elettorale sono stati anche gli ecologisti, con il Gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea che arriva ad eleggere 69 rappresentanti.

Nuovo Parlamento europeo | Il panorama politico:

– PPE – Gruppo del Partito popolare europeo: 178 seggi;

–  S&D – Gruppo dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici: 153 seggi;

ADLE&R – Gruppo dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa + Renaissance + USR PLUS: 105 seggi;

– Verdi/ALE – Gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea: 69 seggi;

– ECR – Gruppo dei Conservatori e Riformisti europei: 63 seggi;

– ENL – Gruppo Europa delle Nazioni e della Libertà: 58 seggi;

– EFDD – Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta: 54 seggi;

– GUE/NGL – Gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica: 38 seggi.

Nuovo Parlamento europeo | Le possibili alleanze:

Con questi numeri, per la prima volta dal 1979 ad oggi, Popolari e Socialisti non sono in grado di formare da soli una maggioranza: per la prima volta è necessario stringere nuove alleanze. Insieme infatti si fermano a 329 seggi.

Una possibile soluzione potrebbe essere quella di creare un asso trasversale che comprende popolari, socialisti e liberali: tutti insieme dovrebbero raggiungere i  438 seggi.

Ma gli scenari possibili non si esauriscono qui. Non è da escludersi infatti una maggioranza formata da socialisti, liberali, verdi e sinistra europea. Una simile alleanza però potrebbe contare su 360 seggi, un numero che non garantirebbe il pieno controllo del Parlamento.

Terza opzione: una coalizione che comprenda tanto i partiti europeisti/moderati quanto i sovranisti. In questo modo, si creerebbe un’alleanza tra popolari, socialisti, liberali, verdi e sinistra da un lato, e sovranisti e populisti dall’altro.

Uno degli scenari meno accreditati è invece quello di un’intesa tra popolari e sovranisti.

Il candidato di punta del Ppe, Manfred Weber, ha già escluso un’alleanza tra Ppe, Ecr e Enf, che potrebbe contare su circa 300 seggi, un risultato ben lontano dalla maggioranza dei 376.