Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni europee, l’affluenza dal 1979 a oggi

Immagine di copertina

Elezioni europee affluenza dal 1979 | Andamento affluenza | Affluenza urne paesi europei

Quelle del 23-26 maggio 2019 sono le none elezioni dirette del Parlamento europeo. Gli eurodeputati sono infatti eletti a suffragio universale diretto dai 400 milioni di cittadini dell’Unione europa. I parlamentari sono in tutto 751, e ciascuno stato membro ne elegge un numero diverso.

Elezioni europee 2019, le previsioni: chi vincerà? Cosa c’è da aspettarsi?

Ma qual è stato e come è cambiato l’andamento dell’affluenza negli ultimi 40 anni?

Come si può notare dai dati qui sotto, l’affluenza è crollata di circa 20 punti percentuali dal 1979 al 2014. La grande sfida di quest’anno è proprio combattere l’astensionismo. Il parlamento Ue ha messo in piedi una massiccia campagna, Stavolta Voto, per spingere quante più persone possibili a recarsi alle urne e combattere l’astensionismo.

Elezioni europee 2019: come si vota | La guida al voto di TPI

L’Unione europea continua ad essere percepita come lontana dai suoi cittadini. Anche se non è così. Qui abbiamo raccolto le decisioni più importanti del Parlamento Ue che nella scorsa legislatura hanno influito sulla vita quotidiana dei cittadini Ue.

Qui di seguito il dato dell’affluenza in ogni tornata elettorale fino al 2014:

1979: 61,99

1984: 58,98

1989: 58,41

1994: 56,67

1999: 49,51

2004: 45,47

2009: 42,97

2014: 42,61

Elezioni europee affluenza dal 1979 | L’affluenza in Italia

I dati dell’affluenza in Italia sono molto più alti di quelli medi europei. Il trend discendente è comunque lo stesso di quello degli altri stati membri.

Dal 1979 a 2014, l’affluenza è crollata gradualmente: dall’85,65 del 1979 si è passato a un 57,22 per cento del 2014. Si tratta di una perdita di quasi 30 punti percentuali.

1979: 85,65

1984: 82,47

1989: 81,07

1994: 73,6

1999: 69,76

2004: 71,72

2009: 65,05

2014: 57,22

Qui un grafico riassuntivo:

Quale sarà il dato del 2019? Si riuscirà a invertire la tendenza dell’astensionismo dilagante e a riportare alle urne gli elettori?

Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”