Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni europee 2019: come votare dall’estero per il Parlamento Ue

Immagine di copertina

Elezioni europee 2019 | Voto italiani estero | Votare dall’estero

Le elezioni europee si tengono tra il 23 e il 26 maggio 2019: sono più di 400 milioni i cittadini europei che si recheranno alle urne per eleggere i loro rappresentanti a Strasburgo. In Italia si voterà il 26 maggio in tutti i seggi elettorali.

Leggi anche: Elezioni europee 2019, come si vota in Italia

Qui tutto quello che c’è da sapere su candidati e liste

> QUI GLI ULTIMI SONDAGGI ELETTORALI

I molti cittadini italiani che si trovano in un paese membro dell’Unione europea per motivi di studio o lavoro possono votare per i rappresentanti italiani grazie ai seggi istituiti dagli Uffici consolari, come spiegato sulla pagina web del ministero degli Esteri.

Per poter esprimere il proprio voto è necessario presentare entro il 7 marzo 2019 una domanda indirizzata al sindaco del Comune di residenza e che deve poi essere presentata al Consolato italiano competente. (qui il modello).

Sulla richiesta devono essere specificati i motivi per i quali ci si torva all’estero e dovrà essere allegata anche l’attestazione del datore di lavoro o dell’istituto presso il quale si studia, oppure la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000), che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta.

Le domande possono essere presentate all’Ufficio consolare di competenza:

– per posta elettronica (allegando file scansionato della domanda firmata e certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, insieme alla fotocopia di un documento di identità del richiedente);

– per posta all’indirizzo dell’Ufficio consolare di competenza (inviando domanda, certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, fotocopia di un documento di identità del richiedente);

– personalmente presso l’Ufficio consolare di competenza.

Il termine del 7 marzo 2019, viene specificato sul sito della Farnesina, è tassativo e non derogabile: le domande presentate dopo questa data non potranno essere accolte e gli elettori temporaneamente potranno esercitare il loro diritto di voto solo in Italia, oppure nel paese europeo di abituale residenza se iscritti all’AIRE.

Ti potrebbe interessare
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest: “Con Franco il ministero dell’Economia in buone mani”
Politica / Conte e Di Maio negano, ma ieri hanno litigato sulla giustizia: "Dove vuoi arrivare Giuseppe?"
Politica / La tragicomica fuga del deputato di Fratelli d'Italia durante la bagarre alla Camera | VIDEO
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. Europa Verde: “Rischio impunità”
Politica / Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”