Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

The Economist: “Salvini è l’uomo più pericoloso d’Europa”

Immagine di copertina
Il vicepremier italiano Matteo Salvini. Credit: Andreas SOLARO / AFP

The Economist: “Salvini è l’uomo più pericoloso d’Europa”

Secondo The Economist, Matteo Salvini è “l’uomo più pericoloso d’Europa”. Il settimanale britannico dedica al vicepremier un ampio servizio nel suo ultimo numero, uscito in edicola venerdì 12 luglio. In un lungo editoriale, intitolato “Come disattivare la minaccia che Salvini pone nei confronti dell’euro”, si sostiene che il leader della Lega ha “usato la politica della rabbia per rendersi l’uomo più potente d’Italia”. In un secondo articolo, intitolato “Il Capitano”, si sottolinea come le sue mosse siano imprevedibili per l’Unione europea e lo si paragona a una “meteora che risplende oggi nei cieli d’Italia”.

Il diretto interessato ha commentato con un post su Twitter, rimarcando proprio la definizione di “uomo più pericoloso d’Europa” e osservando: “Ecco perché continuano a minacciarci…”.

Salvini “non è ancora il primo ministro ma certamente vuole diventarlo”, scrive l’Economist. “Lo chiamano Capitano, nome che richiama alla memoria il Duce. Ma non è un neofascista”. “Il vero problema è che non sta dimostrando in alcun modo di poter risolvere i malesseri che affliggono l’Italia come la stagnazione economica o la disoccupazione”, prosegue il settimanale.

Secondo il magazine britannico, il vicepremier leghista ha due “nemici preferiti: i migranti e Bruxelles”. E l’Unione europea non deve commettere l’errore di sottovalutarlo: “Gli eurocrati devono ricordarsi che, mentre l’Italia continua a fare passi indietro, il risentimento che ha messo benzina nel motore dell’allarmante ascesa di Salvini non potrà che crescere”, si mette in guardia.

I prossimi mesi, scrive ancora l’Economist, saranno decisivi per la credibilità della coalizione M5S-Lega che governa l’Italia: se non saranno mantenuti gli impegni sui conti pubblici, lo spread tra i Btp italiani e i Bind tedeschi potrebbe rapidamente aumentare.

Salvini, secondo il settimanale, “potrebbe portare il Paese al voto anticipato, o anche no”. Il problema per l’Unione europea, si osserva, “è che nessuno sa quale sarà la prossima mossa di questa meteora che risplende oggi nei cieli d’Italia”.

Premio a Carola Rackete, scontro Salvini-Comune di Parigi

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes