Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale

Immagine di copertina
Credit: Ufficio Stampa Quirinale

Riforme bloccate, Pnrr al rallentatore, crisi energetica, sanità allo stremo. E la guerra per il Colle che ha gettato il Paese nel caos

Missione fallita, promesse non mantenute, governo indebolito. Come in tutte le storie appassionate e complesse, come in ogni thriller avvincente, nella vicenda da libro-giallo del governo Draghi c’è un prima e un dopo, un punto di svolta, un momento in cui l’impresa è abortita, senza che nessuno dei protagonisti (e degli osservatori) se ne rendesse apparentemente conto.

Tutto inizia in estate, con continue indiscrezioni sul tema del governo, della legislatura e delle ambizione quirinalizie dell’ex governatore della Bce. Ma il vero passaggio di svolta, il momento di non ritorno, per il governo Draghi, arriva, come un fulmine a ciel sereno il 2 novembre del 2021. È quello, infatti, il giorno in cui uno degli uomini più vicini a Mario Draghi, il ministro Giancarlo Giorgetti, si lascia andare (mentre è intervistato da Bruno Vespa) a una confidenza di cui, probabilmente, in quelle ore non prevede le conseguenze.

La frase (contenuta in un libro che in quei giorni fra l’altro non è ancora uscito) ovviamente viene anticipata dal conduttore di Porta a Porta alle agenzie, e produce un putiferio: «Draghi al Colle? Perché no? Da lì – spiega Giorgetti – guiderebbe il convoglio, sarebbe un semipresidenzialismo de facto». Riletta oggi, con il senno di poi, si capisce come quella frase contenesse fin da allora due notizie e due problemi per il governo e per il suo capo. Prima notizia e primo problema: Draghi e il suo entourage prendevano seriamente in considerazione l’ipotesi di una ascesa al Colle, e lo stavano di fatto rivelando al mondo (non ci fu nessuna smentita alle anticipazioni di Vespa, né di Giorgetti né del presidente del Consiglio) sia pure attraverso un ventriloquo.

Seconda notizia e secondo problema: la prima linea del governo avvertiva e si era posta fin da allora il problema del venir meno delle garanzie e dei contrappesi che questa successione – mai verificatasi prima nella storia repubblicana – produceva nell’architettura costituzionale italiana (criticità che spiega bene il costituzionalista Michele Ainis a pagina 16 di questo giornale). In quel colloquio, forse con eccessiva leggerezza, Giorgetti individuava la soluzione nell’idea del «presidenzialismo de facto». Ovvero di una riscrittura empirica della nostra Carta costituzionale senza nessun voto parlamentare, senza riforme né referendum. Siccome non c’è tempo, non si può perdere tempo: l’orologio biologico della legislatura diventa un ironico strumento di logoramento implicito della maggioranza.

A Palazzo Chigi, secondo le ipotesi di Giorgetti, si sarebbe insediato «un governo del presidente», con un premier designato e (tele)guidato direttamente dal Colle, e al suo fianco avrebbe operato un esecutivo-fotocopia, con gli stessi ministri designati da Draghi…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Risultati elezioni 2023, lo spoglio: centrodestra avanti ovunque, solo a Vicenza vince il centrosinistra. Salvini: “Ottimo Effetto Schlein”
Politica / “Non toglieremo la fiamma tricolore dal simbolo di FdI”: Meloni mette a rischio l’alleanza con i Popolari europei
Politica / Sindaca vuole registrare all’anagrafe figli di coppie omogenitoriali, è polemica
Ti potrebbe interessare
Politica / Risultati elezioni 2023, lo spoglio: centrodestra avanti ovunque, solo a Vicenza vince il centrosinistra. Salvini: “Ottimo Effetto Schlein”
Politica / “Non toglieremo la fiamma tricolore dal simbolo di FdI”: Meloni mette a rischio l’alleanza con i Popolari europei
Politica / Sindaca vuole registrare all’anagrafe figli di coppie omogenitoriali, è polemica
Politica / Rai, dopo Fazio e Annunziata ora nel mirino c’è Report. Gasparri: “Ci siamo stufati”
Politica / Catania, il comizio della destra in diretta su RaiNews24 finisce in vigilanza
Politica / Meloni, che bordate sulla Rai: “Libero la cultura da sistema di potere. Qualcuno non sa misurarsi col merito”
Politica / Rai, Santanchè: “Dimissioni Annunziata? Magari la vedremo in campagna elettorale”
Politica / Igor Taruffi a TPI: “Porteremo il Pd fuori dalle Ztl”
Politica / “Una checca inutile”, Sgarbi condannato per diffamazione dopo la denuncia di Casalino
Politica / Politiche Green all’italiana: quei 20 miliardi di euro mai spesi per mettere in sicurezza le aree a rischio idrogeologico