Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Draghi nomina agli Affari legislativi il giudice “nemico” dei matrimoni gay

Immagine di copertina

Draghi nomina agli Affari legislativi il giudice accusato di essere “nemico” dei matrimoni gay

La comunità Lgbt guarda con preoccupazione alla nomina del consigliere di Stato Carlo Deodato a capo del dipartimento Affari giuridici e legislativi di Palazzo Chigi. Il giudice, che negli ultimi anni ha seguito Paolo Savona prima al ministero degli Affari europei e poi alla Consob (fino a settembre 2020), aveva già ricoperto lo stesso ruolo nel governo Letta, ed era stato braccio destro di Renato Brunetta al ministero della Pubblica Amministrazione.

Ma ad allarmare associazioni e attivisti è la sentenza del Consiglio di Stato di cui Deodato fu relatore nel 2015, che decise l’annullamento dei registri istituiti dai sindaci per trascrivere i matrimoni contratti all’estero. “La diversità uomo-donna è la connotazione ontologica del rito matrimoniale”, recitava la sentenza, che valse a Deodato il soprannome di “nemico dei matrimoni gay” da parte dei movimenti per i diritti civili.

All’epoca la decisione fu accolta con favore dall’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano, ma sul profilo Twitter di Deodato furono scovati anche link alle iniziative delle “Sentinelle in piedi” (movimento contro il riconoscimento dei diritti lgbt), e messaggi contro “l’educazione gender”. Il giudice respinse le accuse di parzialità affermando di aver solo “applicato la legge in modo a-ideologico e rigoroso, lasciando fuori le convinzioni personali che non hanno avuto alcuna influenza”.

Dal 2015 Carlo Deodato non ha condiviso altri Tweet contro i diritti delle persone lgbt, e sul suo profilo continua a definirsi “Giurista e cattolico“. Ma chi attendeva la ratifica della legge Zan contro l’omotransfobia in Senato oggi è scettico sul nuovo assetto di Palazzo Chigi. Sul caso si è espressa anche l’ex parlamentare e attivista Vladimir Luxuria che, ricordando la sentenza del 2015, sul suo profilo Twitter ha scritto: “Omofobia al potere”.

Leggi anche: 1. Draghi vorrebbe sostituire l’ambasciatore italiano in Ue Maurizio Massari 2. Draghi e la politica dei due forni (con la “benedizione” del Colle). Niente cabina di regia per il governo 3. Rigoristi contro aperturisti: governo Draghi spaccato. Speranza contro Lega e renziani

Ti potrebbe interessare
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Ti potrebbe interessare
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest: “Con Franco il ministero dell’Economia in buone mani”
Politica / Conte e Di Maio negano, ma ieri hanno litigato sulla giustizia: "Dove vuoi arrivare Giuseppe?"
Politica / La tragicomica fuga del deputato di Fratelli d'Italia durante la bagarre alla Camera | VIDEO
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. Europa Verde: “Rischio impunità”
Politica / Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Politica / “Fascisti, vergognatevi”: Fratelli d’Italia occupa l’Aula contro il Green Pass, bagarre alla Camera