Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Cremona, due drag queen alla festa per bambini con il patrocinio del Comune: la polemica del consigliere leghista

Immagine di copertina
Le drag queen Priscilla e La notte brilla e il consigliere Zagni

Alessandro Zagni ha pubblicato un post su Facebook scatenando le polemiche

Due drag queen alla festa per bambini: polemica della Lega

Due drag queen alla festa per bambini patrocinata dal Comune di Cremona: scatta la polemica della Lega Nord. “Sono questi i riferimenti della sinistra per la crescita dei nostri figli?”, scrive su Facebook il consigliere comunale leghista Alessandro Zagni.

L’evento, organizzato dall’Arci Festa, si è svolto a Parco didattico Scout di via Lungo Po Europa a Cremona. Il titolo era “Racconti senza barriere”. Protagoniste le drag queen Priscilla e La Notte Brilla: a loro il compito di raccontare storie “fantastiche” per bambine e bambini per insegnare oro a guardare oltre le differenze.

Il Comune, guidato dal sindaco di centrosinistra Gianluca Galimberti, ha concesso il patrocinio alla manifestazione. E da questa circostanza è scattata la polemica, sollevata sui social dal consigliere della Lega Zagni: “Non ho nulla contro le persone in questione, ci mancherebbe. E nemmeno critico l’organizzazione che liberamente organizza l’evento. Io critico la scelta dell’amministrazione comunale di contribuire a sostenere questo tipo di momento educativo per i nostri figli”, ha scritto tra i commenti al suo post.

Perché i commenti al post di Zagni sull’evento con le drag queen è stato commentato centinaia di volte. E si sono scontrati favorevoli e contrari all’iniziativa.

Il dibatto sui social

“Ma che schifo, poveri bimbi non è più tempo di farli giocare ma… conoscere e inculcare loro ciò che i genitori bacati di cervello deviando i sentimenti di innocenza infantile a travagli con la mente contorta di chi porta i figli a questo spettacolo infelice”, scrive un commentatore sotto il post di Alessandro Zagni.

E un altro: “Ma perché io dovrei insegnare a mio figlio che può andare in giro vestito come una donna? La motivazione? Per soldi? Fama? Cosa? Perché è questo il messaggio che arriva ai bambini, e cioè che sono maschi ma si possono vestire da donna e atteggiarsi come una donna. Ed è normale? Per me no… ben venga quando i ragazzi sono grandi maturi, che capiscono la diversità, ma non da piccoli…”.

Molti sono stati anche i commenti di chi ha appoggiato l’iniziativa: “Sono due persone fantastiche. Con storie incredibili e spesso dolorose alle spalle. Che peccato leggere cattiverie da gente che neppure ha idea di chi siano”.

E ancora, il commento di chi ha partecipato all’organizzazione: “La storia che leggeranno è solo una storiella contro le discriminazioni, non è niente di traumatizzante, tranquilla, a meno che per lei non sia un trauma insegnare ai bambini a non discriminare chi è diverso da loro ed a non discriminare altri bambini solo perché amano cose differenti da quelle che amano loro”.

Gli organizzatori e il sindaco

Gli organizzatori della serata hanno risposto, molte ore dopo l’arrivo delle prime critiche dalla pagina Fecebook di Alessandro Zagni, con una frase di Paulo Freire: “Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo, gli uomini si educano insieme, con la mediazione del mondo”. “Crediamo che le diversità siano una realtà inevitabile – hanno aggiunto – da riconoscere e rispettare. Possiamo scegliere come vivere il nostro rapporto con le diversità: amare il prossimo, per noi, non prevede discriminazioni o pregiudizi. Il bene degli altri è anche il nostro e la felicità è un presupposto irrinunciabile per relazioni sane, aperte, umane”.

Mentre il sindaco Gianluca Galimberti ha respinto le critiche per la concessione del patrocinio: “Abbiamo dato il patrocinio alla manifestazione nel complesso, ad Arci Festa, come avviene da anni. Non entriamo nello specifico del programma di ogni singola iniziativa prevista”.

> Qui tutte le notizie di politica su TPI
Ti potrebbe interessare
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Ti potrebbe interessare
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Politica / La sorella di Giorgia Meloni: "Non è vero che è contro l'aborto"
Politica / La mamma di Giorgia Meloni: "Ora tolga subito la vergogna del Rdc"
Politica / Al centrodestra 237 deputati e 112 senatori, Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni. Maroni: "Alla Lega serve un nuovo segretario"
Politica / Salvini: "Abbiamo pagato sostegno a Draghi ma non mi dimetto"
Politica / Di Battista: “C’è vita fuori dai Palazzi. Di Maio si prenda una laurea”
Politica / Riforme, Lollobrigida: "Costituzione bella ma ha anche 70 anni". "Non toccheremo la 194 e unioni civili"
Politica / Mollicone a Tpi: “Nessuna omofobia, Peppa Pig considerato contenuto sensibile dalla legge italiana, non da me”