Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

M5S, i dissidenti presentano la Carta di Firenze: “Stop al capo politico e proprietà di Rousseau al Movimento”

Immagine di copertina

M5S: online la “Carta di Firenze” redatta dai dissidenti del Movimento

Nel giorno in cui il M5S compie 10 anni, è online la “Carta di Firenze”, un documento redatto dai dissidenti del Movimento, i quali richiedono un radicale cambiamento all’interno del partito.

Sul sito, www.cartadifirenze2019.it, online dalla mezzanotte di venerdì 4 ottobre, si parla di un “nuovo Rinascimento 5 Stelle”.

Questo è quello che si legge sulla home page: “10 anni dopo, il 4 ottobre 2019, vogliamo che quel nostro sogno diventi esempio concreto”.

“Siamo attivisti e portavoce che credono nei valori fondativi del MoVimento 5 Stelle e li proteggono con passione”.

“Siamo in tanti a volere un M5S unito e coerente, senza scissioni o correnti : “cittadini attivi” che guardano al futuro del MoVimento 5 Stelle, che hanno contribuito a creare e far crescere”.

I dissidenti, attraverso la stesura del documento (consultabile a questo link), chiedono sostanzialmente tre cose: coerenza e trasparenza, democrazia interna e centralità degli attivisti.

Un ritorno, insomma, ai principi identitari del M5S: “Crediamo che in questo momento così delicato per il futuro del M5S – si legge sulla Carta – si debba ristabilire un rapporto paritetico fra gli eletti a ogni livello e la base”.

“Da tempo assistiamo al dissolversi di questo progetto politico in nome di una fraintesa responsabilità di governo”.

“Riceviamo sia per strada che sul web accuse sempre più sferzanti sulle “promesse non mantenute” e sui compromessi al ribasso. La nostra coscienza di attivisti si ribella e ci impone di riportare il M5S al pieno rispetto dei suoi valori con perseveranza e soprattutto coerenza” si legge ancora sul sito.

Per riuscirci, i dissidenti credono diverse cose, tra cui la convocazione di un’assemblea nazionale, la revisione dello Statuto e il superamento della figura del capo politico e l’attribuzione della piena proprietà e della gestione del Sistema operativo Rousseau al Movimento.

I dissidenti del M5S si erano riuniti domenica 29 settembre in un hotel di Firenze per “la formulazione di una proposta per una nuova Carta di Firenze”.

M5S, scontro su Di Maio: un gruppo di senatori raccoglie firme per spodestarlo

Ti potrebbe interessare
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Ti potrebbe interessare
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto