Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

M5S, scontro su Di Maio: un gruppo di senatori raccoglie firme per spodestarlo

Immagine di copertina
Luigi di Maio e Danilo Toninelli

A guidare la fazione degli scontenti Danilo Toninelli, il ministro silurato con la nascita del Conte bis

M5S, scontro su Di Maio: la raccolta firme

Stop alla leadership di uno solo, sì invece a un direttorio. Che sia composto da persone elette dagli iscritti e non da nominati. Nel Movimento 5 stelle è scontro sul capo politico Luigi Di Maio e una frangia di parlamentari, senatori in particolare, sta tentando di modificare lo statuto per spodestare il ministro degli Esteri, messo alla guida del M5s con l’investitura di Beppe Grillo.

“Di Maio non è il problema, anzi non è mai stato accentratore né autoritario, ma io credo che non sia accettabile che le cariche più alte non siano elettive. Le nostre regole ormai stridono fortemente con i principi della democrazia che rivendichiamo”. Le parole del senatore Primo Di Nicola riassumono il pensiero dei cosiddetti “rivoltosi” del M5s.

A guidare la fazione degli scontenti sono Danilo Toninelli, ministro “silurato” con la nascita del Conte bis; Nicola Morra, presidente della Commissione Antimafia; e Mario Giarrusso. Assieme a Toninelli, altre due ex ministre sono diventate oggi fiere oppositrici di Di Maio: Giulia Grillo e Barbara Lezzi.

A una riunione di ieri pomeriggio, 24 settembre 2019, convocata per la nomina del nuovo capogruppo al Senato (che non è arrivata), Morra ha rilanciato una sua vecchia idea: allargare la leadership. E in fretta ha conquistato il favore di quei big che sono rimasti scontenti dal nuovo corso giallorosso, con l’accordo PD-M5S, che li ha messi alla porta.

Il senatore Emanuele Dessì si è velocemente lanciato in una raccolta firme per indire un’assemblea che modifichi il regolamento del M5s e attribuisca alla stessa assemblea la possibilità di modificare lo Statuto (possibilità che al momento è solo del capo politico). Le firme raccolte sono già 70 sulle 107 necessarie. La proposta di Dessì è la costituzione di un comitato a dieci.

“È arrivato il momento che Grillo e Casaleggio facciano un atto di generosità e regalino il Movimento al Movimento”, conclude Di Nicola. E Giarrusso aggiunge: “Stanno svendendo i principi del Movimento”. Conclude Morra: “Nessuna lite, solo un esercizio di democrazia”.

Di Maio: “Giusto che ci sia chi non è d’accordo con me”

In Senato, insomma, la paglia sta bruciando e c’è anche chi parla di possibile scissione nel caso in cui non si riesca a cambiare qualcosa nella gestione della leadership del M5S con Di Maio.

Di Maio, da parte sua, travolto da questo dissenso mentre si trova ancora a New York, dove ha partecipato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul clima, non dà segni di preoccupazione. “Sono stato eletto capo politico con l’80 per cento di preferenze, non con il 100 per cento ed è giusto che ci sia chi non è d’accordo”, ha ammesso.

“Ma far passare quelle 70 firme per 70 firme contro di me…”, si lamenta il ministro degli Esteri ai microfoni di Rainews24. A Palazzo Madama, ovviamente, ci sono anche senatori a difesa di Di Maio, come Mauro Coltorti, Sergio Vaccaro e Marco Croatti.

“Ci sono persone che potrei definire amiche e con cui lavoro ogni giorno che mi hanno chiamato e mi hanno detto che è un grande malinteso: ‘non è contro di te ma per rafforzare il gruppo parlamentare'”, ha concluso.

La nomina del capogruppo

La tensione nel M5s su Di Maio, d’altronde, potrebbe chiudersi anche con la nomina del capogruppo pentastellato al Senato. Per il posto di Stefano Patuanelli, oggi ministro per lo Sviluppo economico del Governo Conte bis, era stato fatto proprio il nome dell’ex ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli.

Una scelta che non era andata giù a molti nel Movimento. E che, alla luce degli ultimi sviluppi, potrebbe non essere più gradita nemmeno al leader Di Maio. A meno che questa nomina non possa servire a far tornare la pace.

Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni