Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Roba da seghe”, “bischeri”, “labbrata”: il dialetto fiorentino, linguaggio del potere renziano

Immagine di copertina

Con il “toscano rignanese” di Open la politica archivia il romanesco andreottiano, quello del celeberrimo "A’ fra che te serve"

“Seghe”, “labbrata”, “bischeri”. Una inchiesta che parla in fiorentino. “Roba da seghe”, dice Matteo Renzi per commentare il suo sospirato volo in America su invito della fondazione Kennedy. In tutta Italia significa una cosa da sfigati. Nel suo toscano invece significa una esperienza da urlo. Se c’è un protagonista invisibile nella lingua che il Giglio magico consegna alla storia è il dialetto. E con i lemmi e le costruzioni del “toscano rignanese” di Open la politica archivia il romanesco andreottiano (quello del celeberrimo “A’ fra che te serve” di Franco Evangelisti). Dimentica il ricucciano (nel senso di Stefano Ricucci) del “fare i froci con i buci di culo degli altri” o dei Furbetti del quartierino. Tra gli uomini di Open, ovviamente, impera il fiorentino renziano. E così è tutto un coro di verbi impersonali (“Con Buzzi s’è fatto!”, scrive ad esempio Bianchi a Lotti, parlando di soldi da restituire). Mentre il portavoce di Renzi Marco Agnoletti spiega a Patrizio Donnini (facendo impazzire chi trascrive il testo): “Se l’he lí tu gli devi lehhare il culo!”. Dolce stil novo.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open