Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Di Maio a TPI: “De Luca? Il Covid non si può gestire con la simpatia”

 

 

Di Maio a TPI: “De Luca? Il Covid non si può gestire con la simpatia”

“Anche De Luca si sta rendendo conto che la gestione del Covid non può essere fatta esclusivamente con la sua simpatia, che è indiscussa”. Lo dice Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, nella video-intervista rilasciata al direttore di TPI Giulio Gambino. Con De Luca “massima collaborazione”, precisa  Di Maio, nato e cresciuto a Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli . “Ricordo a tutti che De Luca è stato votato dai cittadini campani qualche mese fa. E per me il voto è sempre sacro”.

Il ministro striglia le Regioni che hanno protestato per le zone rosse, arancioni o gialle: quell’assegnazione, dice, “è stata del Comitato tecnico scientifico, non politica”. “Le Regioni tra loro sono solitamente molto solidali: se ci sono dubbi sui parametri che sono stati forniti dalle stesse Regioni, lo dicano”, attacca Di Maio. Che affonda: “Le Regioni non possono cambiare idea continuamente. Prima ci hanno detto ‘il Governo prenda una decisione nazionale’, noi lo abbiamo fatto, discutendo con loro e usando i parametri che ci hanno fornito loro per dichiarare una zona gialla, arancione o rossa. Eppure il giorno dopo è iniziata la contestazione. Questo non fa bene al Paese in un momento così difficile”.

“In futuro, anche insieme alle Regioni, dobbiamo aprire un dibattito sul Titolo V della Costituzione e su come dobbiamo gestire le emergenze insieme”, prosegue il ministro. “E aggiungo: la classificazione di una regione in zona gialla, arancione o rossa non dipende solo dai dati del contagio, ma anche dallo stato della Sanità in una singola regione. Non voglio incolpare nessuno, ma come Paese forse dobbiamo farci qualche domanda su come abbiamo ridotto la Sanità negli ultimi vent’anni. La Sanità in Italia è stata il Bancomat della politica: oltre il 20% del bilancio di una singola è Regione è relativo alla Sanità. Lì ci sono i soldi. In alcune Regioni ci sono Asl sciolte per mafia. La pandemia ha accentuato queste criticità, anche legate alla corruzione”.

Di Maio a TPI: “Candidatura Raggi a Roma molto probabile” | VIDEO
Di Maio a TPI: “Sui Decreti Sicurezza Mattarella mi ha fatto cambiare idea”
Di Maio a TPI: “I giornali online sono il futuro” | VIDEO

L’intervista completa a Di Maio

 

 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Toti insiste e resiste
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Toti insiste e resiste
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Politica / Primo partito a Isernia, in calo in tutto il nord. Il ritratto di una Lega che ha cambiato volto
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)