Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Via libera al decreto reclutamento per il Recovery. Brunetta: “Ventata di modernità nella Pa”

Immagine di copertina
https://www.tpi.it/app/uploads/2021/03/riforma-pubblica-amministrazione-draghi-brunetta.png

Il governo ha dato il via libera in Consiglio dei ministri al decreto legge che stabilisce lo stop al blocco del turn over, apre al reclutamento nella pubblica amministrazione in vista dell’attuazione del Recovery Plan e introduce procedure semplificate per i concorsi. “Il turn over riprende al 100 per cento”, ha affermato il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta al termine del Cdm, sottolineando che “per la sanità il turn over sarà anche superiore al 100 per cento”.

Il decreto legge prevede 24mila assunzioni, tutte a tempo determinato: ci saranno 22mila assunzioni nella giustizia, mille nelle regioni ed enti locali, 500 per rendicontare le spese del Pnrr, mentre saranno assunti 405 di addetti informatici per la transizione digitale. “Abbiamo messo durante il lockdown in lavoro da remoto la quasi totalità, tranne la sanità e l’assistenza, ci siamo inventati il cosiddetto smart working, nel primo periodo di lockdown duro”, ha spiegato Brunetta. “Una volta superata quella fase abbiamo regolato lo smart working 50 per cento e 50 per cento. Uno o due mesi fa, con il piano di vaccinazione, il tetto del 50% è stato superato.Ho cancellato questo obbligo, che ora non c’è più, se non l’organizzazione dei singoli uffici decisa dai dirigenti, ma garantendo la soddisfazione dei cittadini”.

“Abbiamo approvato il decreto per il capitale umano della Pa, come rafforzare i tecnici, i funzionari, i dirigenti, gli ingegneri, i burocrati che dovranno attuare il piano nazionale di ripresa e resilienza”, ha commentato Brunetta, sottolineando che si tratta di “una ventata di modernità, di novità di rafforzamento della nostra pubblica amministrazione”. Il ministro ha aggiunto che “la prossima settimana vareremo il decreto legge con il piano di funzionamento del ministero per la Transizione ecologica”.

Il decreto approvato in Consiglio dei ministri è intitolato “Misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per l’efficienza della giustizia (decreto-legge)”. Il provvedimento arriva dopo quelli già approvati, relativi alla governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e alla semplificazione, e “costituisce così il terzo pilastro dell’assetto normativo che consentirà la piena attuazione del Piano”, come si legge nella nota di Palazzo Chigi.

“Le norme introdotte”, prosegue la nota, “definiscono percorsi veloci, trasparenti e rigorosi per il reclutamento di profili tecnici e gestionali necessari e pongono le premesse normative per la realizzazione delle due riforme trasversali previste dal PNRR: la pubblica amministrazione e la giustizia”.

Leggi anche: Riforma Brunetta e concorso scuola: ecco perché è giusto valutare i titoli al posto della preselettiva

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”