Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Crisi di governo: vicino un esecutivo M5S – PD. Ecco chi potrebbe essere il premier

Immagine di copertina

La nascita di un governo giallorosso sembra sempre più probabile: i nomi di chi potrebbe guidarlo

Crisi di governo, vicino un esecutivo M5S – PD: ecco chi potrebbe essere il premier

La crisi del governo gialloverde potrebbe concludersi con la formazione di un nuovo esecutivo, questa volta formato da M5S e Pd: ma chi potrebbe essere il premier?

Sono numerosi i nomi che circolano in queste ore, ma sono soprattuto tre i principali indiziati a ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio.

Un tecnico: Raffaele Cantone

Al momento la figura del tecnico, ovvero una personalità ritenuta equidistante dalle due forze politiche, sembra la soluzione più probabile. Il nome che circola con più insistenza è quello di Raffaelle Cantone, magistrato napoletano, sino al 23 luglio alla guida dell’Autorità nazionale anticorruzione. Se fosse un tecnico a guidare l’eventuale esecutivo giallorosso, si fanno i nomi anche di Enrico Giovannini e Gianmaria Flick, Di Maio resterebbe vicepremier, affiancato da un esponente del Partito Democratico. In questo caso, i nomi che circolano con più insistenza sono quello di Graziano Del Rio, ex ministro e attuale capogruppo alla Camera del Pd, e quello di Dario Franceschini, tra i fautori della nascita di un governo M5S – PD. In questo caso, il premier uscente Giuseppe Conte diverrebbe commissario europeo.

L’ipotesi di un Conte bis

Non è detto, però, che Giuseppe Conte si faccia da parte. Nelle ultime ore, infatti, il presidente del Consiglio sarebbe sempre più convinto a guidare un nuovo eventuale esecutivo, anche come sorta di rivalsa personale. Con un Conte bis, Di Maio sarebbe costretto a lasciare il suo ruolo di vicepremier, pur mantenendo un ministero di peso. A quel punto vi sarebbe un solo vicepremier in quota PD. In pole per questo ruolo, oltre ai nomi già citati precedentemente, vi sarebbe anche Andrea Orlando, ex ministro della Giustizia nei governi Renzi e Gentiloni. Il ruolo di commissario europeo, invece, potrebbe andare a Enzo Moavero Milanesi, attuale ministro degli Esteri.

Fico premier e un esponente PD alla Camera

E se invece fosse l’attuale presidente della Camera Roberto Fico a guidare il prossimo esecutivo? L’ipotesi, nelle ultime ore, circola con sempre più insistenza. Già poco più di un anno fa, prima della nascita del governo gialloverde, Fico ottenne da Mattarella un incarico esplorativo per tentare di formare un governo con il PD. Tentativo poi fallito soprattutto per volere di Matteo Renzi e della sua strategia dei “pop corn”. Se fosse Fico a guidare l’esecutivo giallorosso, a quel punto il PD potrebbe ottenere la presidenza della Camera. Anche in questo caso, il nome che si fa con più insistenza è quello di Dario Franceschini.

Crisi di governo: le ultime news. Settimana decisiva: M5S e Pd trattano, Salvini prova a ricucire
Ti potrebbe interessare
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Ti potrebbe interessare
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Politica / Il centrodestra punta a una vittoria netta alle elezioni per prendersi anche il Quirinale