Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Crisi di Governo, cosa succede oggi, 13 gennaio 2021: agenda, scenari e ultime notizie

Immagine di copertina

Crisi di Governo: cosa succede oggi, 13 gennaio 2021

Crisi di Governo o no? Cosa succede? Oggi, mercoledì 13 gennaio 2021, capiremo se l’estenuante crisi politica innescata ormai un mese fa dall’attacco di Matteo Renzi al premier Conte sfocerà in una formale crisi di governo o meno. Il leader di Italia viva ieri ha assicurato che nel pomeriggio annuncerà una volta per tutte se le sue due ministre (Bellanova e Bonetti) si dimetteranno. La conferenza stampa di Renzi, delle ministre e del sottosegretario Ivan Scalfarotto andrà in scena alle ore 17,30.

LE ULTIME NOTIZIE DI OGGI

Intanto ieri sera, Matteo Renzi a Cartabianca ha detto che secondo lui oggi il presidente del Consiglio “annuncerà di avere altri parlamentari a suo sostegno”, il che farebbe pensare che i giochi siano stati fatti. Nel frattempo, in piena notte, le due renziane si sono astenute sul Recovery Plan approvato dal Consiglio dei ministri.

Nell’attesa di capire cosa accadrà, per stasera è in programma un altro Consiglio dei ministri per varare il nuovo decreto sulle misure anti Covid 19, e un altro è previsto per domani, con al centro la richiesta alle Camere di un nuovo scostamento di bilancio da 24 miliardi, che è la premessa necessaria al varo del decreto Ristori e che sarà votato dal Parlamento il 20 gennaio.

Le ipotesi

Abbiamo visto “l’agenda” della Crisi di Governo, ma cosa succede oggi? Ecco alcune ipotesi riportate da Il Corriere della Sera:

  • I “pontieri” riescono miracolosamente a riannodare i fili e scatta il piano di emergenza che vorrebbe il Partito democratico: i leader stringono un patto di legislatura e lanciano davvero il Conte 3, costruito però in modo da non apparire come una resa di Renzi.
  • L’accordo in extremis si rivela impossibile. Il premier va in Parlamento e incolpa Renzi della crisi e si va alla conta dei voti. Da capire però se Conte nel frattempo sia riuscito o meno nell’impresa di trovare i “responsabili” che sostituiscano i renziani.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”