Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

M5S, Crimi presenta 3 scenari all’assemblea: “Capo politico, organo collegiale o Stati generali subito”

Immagine di copertina
Vito Crimi

Il capo politico del M5S Vito Crimi ha presentato tre scenari possibili per il futuro del Movimento, nell’intervento con cui ha aperto l’assemblea dei parlamentari pentastellati a Montecitorio. Dopo la sconfitta delle elezioni regionali, i grillini si interrogano sulle scelte future, incluse quelle organizzative, per cercare di evitare le divisioni interne al Movimento.

“Stasera vi porrò davanti agli scenari possibili e su quelli vi chiedo di riflettere”, ha detto Crimi all’inizio del suo intervento, secondo quanto riporta l’Adnkronos. La prima possibilità prevede una voto immediato su Rousseau sul nuovo capo politico. La seconda è quella di nominare un organo collegiale, una sorta di segreteria politica (previa approvazione sulla piattaforma M5S). Infine, la terza possibilità è quella di svolgere immediatamente gli Stati generali, che sarebbero guidati da una commissione composit, formata da parlamentari, europarlamentari, consiglieri regionali e portavoci comunali (sindaci o consiglieri).

Per il momento non è previsto un voto delle assemblea sulle tre ipotesi proposte dal capo politico. Ma intanto emerge che lunedì pomeriggio si terrà una riunione tra Crimi, il capodelegazione al governo per il Movimento, Alfonso Bonafede, e i ministri e i viceministri grillini.

L’idea del ‘comitato-ponte’ è una sorta di compromesso che potrebbe evitare le fibrillazioni già presenti nel Movimento, che potrebbero avere conseguenze sia sull’attività parlamentare che sul governo. Gli Stati generali, secondo questa prospettiva, potrebbero in questo modo tenersi tra qualche mese, nel frattempo a decidere sulla strategia e sulle iniziative sarebbe un organismo composto da dieci persone.

La maggioranza dei gruppi pentastellati, secondo quanto riporta Agi, insiste sulla necessità che la kermesse si tenga al più presto mentre Di Battista punterebbe, secondo quanto riferiscono fonti parlamentari, ad un ‘congresso’ a fine ottobre.

Leggi anche: 1. M5S, Giarrusso a TPI: “Così ci facciamo male” /2. Elezioni regionali, Di Battista striglia il M5S: “È la più grande sconfitta nella storia del Movimento”

Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open