Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Cos’è il “comitato di conciliazione”, chiamato a risolvere le questioni più spinose per Lega e M5S

Immagine di copertina
Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Giancarlo Giorgetti. Credit: AFP PHOTO / Andreas SOLARO

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarebbe intenzionato a convocare una "Cabina di regia" all'inizio della prossima settimana. Ecco di cosa si tratta:

Nelle ultime settimane il governo giallo-verde si è trovato di fronte a una serie di spaccature su diverse questioni, tra cui la gestione dei migranti e le nazionalizzazioni. Temi caldi che dovranno essere affrontati al più presto, anche in virtù dell’avvicinarsi delle scadenze per la legge di bilancio (qui le ultime notizie sul governo).

Per questo, secondo le indiscrezioni di stampa, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarebbe intenzionato a convocare una “Cabina di regia” all’inizio della prossima settimana, per placare le fibrillazioni interne tra M5s e Lega.

La “Cabina di regia” cui fanno riferimento i giornali potrebbe essere il “Comitato di conciliazione”, l’organo previsto dal contratto di governo gialloverde proprio al fine di superare gli eventuali contrasti tra le due forze politiche sull’applicazione dell’accordo.

Il contratto prevede che Lega e M5s “sono insieme responsabili di tutta la politica dell’Esecutivo”. Le due forze politiche si impegnano a stabilire “insieme il lavoro in ambito parlamentare e governativo”.

In caso di contrasto tra loro sull’interpretazione e l’applicazione dell’accordo, però, “le parti si impegnano a discuterne con la massima sollecitudine e nel rispetto dei principi di buona fede e di leale cooperazione”.

Se le divergenze continuano ad esistere, viene convocato il Comitato di conciliazione, la cui composizione e funzionamento sono demandate a un accordo tra le parti.

Ecco cosa prevede esattamente il punto 1 del testo definitivo del contratto di governo:

Qualora nel corso dell’azione di governo emergano divergenze per quanto concerne l’interpretazione e l’applicazione del presente accordo, le parti si impegnano a discuterne con la massima sollecitudine e nel rispetto dei principi di buona fede e di leale cooperazione. Nel caso in cui le divergenze persistano, verrà convocato il Comitato di conciliazione.

In relazione a temi controversi, per addivenire ad una posizione comune, il Comitato di conciliazione si attiverà in tempo utile per raggiungere un’intesa e suggerire le scelte conseguenti.

Pertanto, i contraenti si confronteranno nel Comitato di conciliazione:

– per giungere ad un dialogo in caso di conflitti al fine di risolvere i problemi e le divergenze rilevanti;

– per addivenire ad una posizione comune con riferimento a tematiche estranee al presente contratto ovvero a questioni con carattere d’urgenza e/o imprevedibili al momento della sottoscrizione del presente contratto;

– quando cio’ sia richiesto da uno dei contraenti per esaminare questioni ritenute fondamentali.

La composizione e il funzionamento del Comitato di conciliazione sono demandate ad un accordo tra le parti. Il Comitato, dopo un’attenta analisi e valutazione del rapporto tra costi e benefici, adotterà le opportune decisioni con riferimento alla realizzazione e al completamento delle opere pubbliche di rilievo nazionale non espressamente menzionate nel presente contratto. 

Ti potrebbe interessare
Politica / M5s, Azzolina al TPI Fest: “Grillo garante, nessuno ha mai pensato di togliergli ruolo. Conte compreso”
Politica / Grillo: "Conte ti sono utile, lo devi capire. Io garante, non cogl**ne"
Politica / Lo scudo legale è l’apostrofo rosa tra le parole Conte e Grillo
Ti potrebbe interessare
Politica / M5s, Azzolina al TPI Fest: “Grillo garante, nessuno ha mai pensato di togliergli ruolo. Conte compreso”
Politica / Grillo: "Conte ti sono utile, lo devi capire. Io garante, non cogl**ne"
Politica / Lo scudo legale è l’apostrofo rosa tra le parole Conte e Grillo
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"