Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Chi è Damiano Tommasi, l’ex calciatore candidato sindaco di Verona in vantaggio agli exit poll

Immagine di copertina
Credit: ansa

Gli exit poll su Verona premiano Damiano Tommasi, sostenuto dalle forze di centrosinistra riunite in blocco per l’ex calciatore di Hellas e Roma. Con il 37-41% si aggiudica la sfida dei sondaggi elettorali all’uscita dai seggi, lasciando il sindaco uscente Federico Sboarina a e l’ex sindaco Flavio Tosi appaiati fra il 27 e il 31%.

Un risultato a sorpresa dato che a Verona il centrosinistra non governa dal 2007. “Dovremo attendere i dati certi, ma il risultato degli exit poll dimostra che la voglia di girare pagina a Verona si fa sentire e questo era il nostro primo obiettivo. È un risultato storico per Verona, dove da tempo si attende la prospettiva di un cambiamento. La speranza è quella di poter iniziare a costruire un futuro nuovo per la città”, dice.

Molti si ricorderanno di lui come calciatore. 48 anni, Tommasi per ben 10 anni (dal 1996 al 2006) è stato una colonna del centrocampo della Roma. Con la Nazionale ha invece disputato 25 match, partecipando anche ai Mondiali del 2002. Ma è a Verona che è cominciato tutto: con l’Hellas ha debuttato in Serie B, proprio lui nativo di Negrar di Valpolicella, a pochi chilometri dal capoluogo veneto. Appesi gli scarpini al chiodo, Tommasi diventa presidente dell’Aic (Associazione Italiana Calciatori), carica che manterrà dal 2011 al 2020.

Tommasi frequenta la facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Padova. Obiettore di coscienza, seguace di don Lorenzo Milani (molti capitoli del suo programma si aprono con citazioni del prete di Barbiana) è stato presidente dell’Aic (Associazione italiana calciatori), dal 2011 e fino al giugno scorso. Assieme alla moglie ha fondato e guida una scuola bilingue considerata all’avanguardia nella didattica. Ha accettato la candidatura dopo molte incertezze.

Ti potrebbe interessare
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Ti potrebbe interessare
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”