Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

L’ex presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini potrebbe entrare in Italia Viva nel 2020

Immagine di copertina

L'ex governatrice, attualmente tesserata del Pd, nell'aprile scorso è stata costretta a dimettersi in seguito a un'indagine su presunti concorsi pilotati all'ospedale di Perugia

Catiuscia Marini pronta a entrare in Italia Viva

Catiuscia Marini, ex presidente della Regione Umbria con il Pd, non smentisce le indiscrezioni di stampa che la vorrebbero in procinto di passare a Italia Viva, il nuovo partito fondato da Matteo Renzi.

“In futuro si vedrà”, ha detto oggi all’Ansa l’ex governatrice, costretta a dimettersi ad aprile scorso in seguito all’indagine sui presunti concorsi pilotati all’ospedale di Perugia.

Marini è attualmente una tesserata del Partito democratico e non è tra coloro che hanno partecipato alla Leopolda di Matteo Renzi, la convention organizzata a Firenze dal 18 al 20 ottobre scorso.

In questi giorni, dopo le elezioni regionali anticipate di domenica che hanno visto trionfare la candidata di centro destra Donatella Tesei, Marini si è limitata a fare gli auguri alla neo presidente su Facebook, senza commentare ulteriormente l’esito del voto.

“Oggi sono una libera cittadina” ha detto ancora Marini, “e valuterò che fare nel 2020”.

La vicenda politica che ha coinvolto Catiuscia Marini ad aprile scorso è stata segnata da diversi contrasti con i vertici locali e nazionali del Pd, con cui l’ex presidente ha governato la regione per due legislature prima di dimettersi.

Marini aveva accusato il Pd di averla “scaricata” bruscamente per motivi di consenso e perché donna.

Morte di una regione rossa (di Stefano Mentana)
La notte in cui è morto il M5S (di Giulio Gambino)
PD e M5S hanno perso una battaglia, ma non la guerra: ecco perché l’alleanza deve continuare (di Luca Telese)
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella
Politica / Sabino Cassese nega di conoscere Salvini: “Quirinale? Perché escluderlo?”
Politica / Maddalena a TPI: “I voti per me sono un appello alla Costituzione, il neoliberismo è un danno per il Paese”
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera: Mattarella il più votato. Salvini: "Conto di chiudere domani". Belloni o Cassese i nomi, ma si tratta ancora
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina