Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda: “No a Fratoianni e Di Maio, abbiamo chiesto al Pd il minimo sindacale. Se risposta è no, è rottura” | VIDEO

Immagine di copertina

Calenda: “No a Fratoianni e Di Maio, abbiamo chiesto al Pd il minimo sindacale”

“Abbiamo chiesto al Pd il minimo sindacale, se la risposta è no, allora sarà rottura”: lo dichiara il leader di Azione, Carlo Calenda, in un video in cui fissa i paletti per una eventuale alleanza alle prossime elezioni politiche con il partito guidato da Enrico Letta.

“Quello che abbiamo chiesto a Letta è molto semplice – afferma Calenda in un video postato su Twitter – Non candidare Fratoianni che ha votato 55 volte la sfiducia a Draghi, nei collegi uninominali, non candidare Bonelli che non vuole il termovalorizzatore a Roma nei colleghi uninomali, non candidare Di Maio che ha distrutto tutto il lavoro che abbiamo fatto al Mise ed è stato uno dei politici più trasformisti nella storia, nei collegi uninominali”.

“Che vuole dire? – continua l’ex ministro – Vuol dire non ci chiedere di prendere i nostri voti, perché nei collegi uninominali si sta insieme sotto un nome, e di mettere il nostro simbolo per eleggere queste persone”.

“Ed è talmente logico che allo stesso tempo noi abbiamo detto a Letta che noi non candideremo negli uninominali che ci spettano personalità divisive perché bisogna unire per vincere. È una cosa di buon senso, di serietà”.

“La seconda cosa che abbiamo chiesto è: possiamo avere una base di programma comune? Possiamo avere una risposta chiara su termovalorizzatori e rigassificatori perché sennò non c’è più nessuna agenda Draghi”.

“A me sembra veramente il minimo sindacale per non mettere insieme un’accozzaglia, piena di idee diverse, totalmente incoerente e di scarsa qualità. Se la risposta sarà no, intanto che arrivi visto che stiamo aspettando da diverso tempo, caro Enrico Letta la responsabilità della rottura sarà interamente tua”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Quando Calenda diceva: “Del centro di Renzi non me ne frega nulla, quel modo di fare politica mi fa orrore” | VIDEO
Politica / "Anche in politica servono gli assist": l'annuncio social di Renzi
Politica / M5S, Virginia Raggi: “Io candidabile, il mio no è per le future alleanze”
Ti potrebbe interessare
Politica / Quando Calenda diceva: “Del centro di Renzi non me ne frega nulla, quel modo di fare politica mi fa orrore” | VIDEO
Politica / "Anche in politica servono gli assist": l'annuncio social di Renzi
Politica / M5S, Virginia Raggi: “Io candidabile, il mio no è per le future alleanze”
Politica / Elezioni, Bettini: “Il Pd deve guardare al 50% che non vota. Conte ha sbagliato ma dopo le elezioni si vedrà”
Politica / Accordo Renzi-Calenda, nasce il Terzo Polo: "Noi alternativi al bipopulismo"
Politica / La dem Michela Di Biase dice basta: “Lady Franceschini? Misoginia. Sono stata votata, non nominata”
Politica / Meloni: “Da noi nessuna ambiguità su fascismo”. E rassicura Bruxelles
Politica / Ilaria Cucchi: “Diranno che sfrutto la storia di mio fratello? Io la utilizzerò affinché sia d’esempio”
Politica / Dopo due anni di pandemia le linee guida per la scuola sono sempre le stesse: un altro fallimento dei migliori
Politica / Renzi: "Con Calenda possiamo riportare Draghi a Palazzo Chigi"