Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Cacciari contro Pd e M5s: “Si illudono di aver cacciato Salvini, ma non lo hanno neutralizzato”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio, Massimo Cacciari e Nicola Zingaretti

Il filosofo critica l'ipotesi di governo giallorosso

Cacciari contro il governo M5S-Pd

Il filosofo Massimo Cacciari boccia l’ipotesi di un governo sostenuto da M5S e Pd. “Se i gruppi dirigenti pensano solo a salvare le poltrone e se stessi, le cose si complicano”. Secondo Cacciari, il Movimento 5 stelle e il Partito Democratico dovranno dimostrarsi uniti e trovare un accordo, o il nuovo governo giallorosso potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio. Il filosofo ed ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari in un’intervista rilasciata al quotidiano La Verità ha sottolineato come Partito democratico e M5s siano ben lontani dall’aver eliminato la Lega dalla scena: “Se pensano di aver neutralizzato Salvini semplicemente con questa mossa, sognano”, ha commentato il filosofo ed ex sindaco di Venezia, che da sempre orbita nella sfera di centrosinistra. “Ma siccome qui è tutto un delirio, il controllo della situazione può sfuggire a chiunque, in ogni istante”.

Pd e 5 stelle, secondo Cacciari, hanno la possibilità di trovare punti di contatto, ma per il momento l’incontro tra i due partiti si sarebbe basato solo sull’obiettivo comune di scalzare Salvini dal governo. “Le intese di governo durano quando c’è una classe dirigente con una strategia e quando c’è stato un lavoro di preparazione”. Ha commentato Cacciari, che ha aggiunto:  “Le indicazioni programmatiche sono vaghissime. E la gente capisce perfettamente che quello di cui si sta parlando in realtà sono il premier, gli eventuali vicepremier e i ministri chiave. Questo è un altro elemento di debolezza dell’avvio del governo”.  Il filosofo ha poi aggiunto: “Non c’è dubbio che, se siamo arrivati a questo punto, è per la paura di andare al voto con la Lega ben oltre il 30 per cento”.

Un accordo di governo nato da esigenze di partito e non da programmi comuni potrebbe avere l’effetto di un boomerang: “Salvini ha saldamente in mano un partito che controlla tutte le più importanti Regioni italiane. Basterebbe questo per capire che siamo ben lungi dall’averlo messo nell’angolo”. Continua Cacciari, che dipinge Conte come il “vero beneficiario della crisi di governo” innescata a metà agosto e della creazione del nuovo esecutivo, spalleggiato dal Quirinale.

Secondo Cacciari, Pd e M5s dovranno dimostrare di avere delle basi più solide rispetto a quelle gettate con l’esecutivo gialloverde. Il rischio è un ribaltamento dello scenario politico: “Se nel primo mese si prenderanno decisioni concrete, può darsi che si avvii un processo positivo per l’intesa Pd-5stelle. Altrimenti si arriva alle regionali, il Pd perde l’Emilia Romagna e il governo si scioglie”, commenta, “La comica sarebbe se facessero quest’intesa di governo e poi, per battaglie campali come quella dell’Emilia, Pd e M5s si presentassero divisi. Allora la gente capirebbe che l’unico scopo di questo governo era di evitare il massacro elettorale di quei due partiti”.

Secondo la lettura di Cacciari, Di Maio si starebbe ora barcamenando tra due questioni: da un lato, sarebbe impegnato a reggere il confronto con Conte, dall’altro cercherebbe di mantenere solida l’immagine del Movimento come partito guida in Italia. “Penso che Di Maio non abbia la forza di fermare un treno che è già partito”, ha commentato al quotidiano di Maurizio Belpietro “la ragione del suo comportamento è duplice: da una parte vuole rassicurare certi settori della sua base che i 5 stelle continuano a essere l’ago della bilancia del governo. Dall’altra parte, certamente vuole limitare l’ascesa di Conte, che è ormai il vero leader dei 5 stelle. Io non credo che Di Maio voglia andare alle elezioni, ma in quel caso il candidato premier del Movimento sarebbe Conte, non lui”. Per il Partito Democratico, invece i nodi da sciogliere sarebbero tutti interni al partito, con Matteo Renzi (che ha avuto un ruolo chiave nelle contrattazioni tra Pd e M5s) che cerca di riconquistare una posizione di rilievo.

Ti potrebbe interessare
Politica / La grana Gasbarra per Enrico Letta: il Pd ora rischia pure nel Lazio
Politica / Pd, Cirinnà ci ripensa e si candida: “Schiaffo dal partito. Lo faccio per le persone che me lo hanno chiesto”
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Ti potrebbe interessare
Politica / La grana Gasbarra per Enrico Letta: il Pd ora rischia pure nel Lazio
Politica / Pd, Cirinnà ci ripensa e si candida: “Schiaffo dal partito. Lo faccio per le persone che me lo hanno chiesto”
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S