Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Prima il monologo, poi il pianto vittimista. La figuraccia della Boschi e la lezione di Lilli Gruber 

Immagine di copertina

Da ieri sera si discute in rete del duello fra Lilli Gruber e Maria Elena Boschi a Otto e mezzo, di questo splendido romanzo auto-vittimista: vai ospite al programma di informazione più visto, parli praticamene solo tu, e poi ti lamenti: “Non mi hanno fatto spiegare”. Geniale, l’ultima grande declinazione del proverbiale chiagni e fotti. I politici della terza repubblica amano il monologo, e piangono come agnellini se si fanno loro delle domande. La capogruppo di Italia Viva, con il suo sorprendente nuovo look frangettato (un po’ figlia dei fiori anni Settanta), si è lamentata sui social subito dopo il programma: “Grazie a tutti per i commenti di solidarietà dopo Otto e mezzo. Quando cercavo di parlare di contenuti – spiegava – venivo sempre interrotta: per Lilli Gruber è più importante parlare delle mie foto che non dei 200 miliardi del Recovery Fund. Mi spiace per gli ascoltatori”.

A questo coro vittimistico si sono aggiunti la collega Teresa Bellanova, e dietro di loro una nutrita pattuglia di compagni di ventura, tifosi e troll, così agguerrita da mandare il caso in tendenza su Twitter, con accuse alla conduttrice del programma. La cosa che non si capisce è lo scandalo per una domanda sulle foto dell’ex ministra con il suo fidanzato. In perfetta par condicio, infatti, da anni Lilli Gruber fa domande “private”, a tutti i suoi ospiti, soprattutto quando pensa che abbiano un interesse pubblico. Così come ha chiesto alla Boschi dell’avviso di garanzia che ha ricevuto, e dell’inchiesta per i finanziamenti alla fondazione Open, sentendosi rispondere addirittura che Renzi non ha attaccato la magistratura (“Ha detto anche altre cose”). Questo mentre Italia Viva spiega da mesi che il magistrato cerca “visibilità personale”.

Ovviamente è una strategia precisa: dire e non dire, attaccare e ritrattare. Tenere due posizioni insieme: una d’attacco per tranquillizzare gli ultras, una più malleabile per fare immagine. Ma il tema sarebbe la presunta violazione della sfera privata, per la domanda sulle foto. Per una come la Boschi, che su Instagram ci ha deliziato persino con le immagini della palestra, del fratellone figo, o delle amiche del mare, fra l’altro, l’invocazione di una presunta virginalità mediatica è francamente pretestuosa, se non grottesca.

Il punto della Gruber è che ha usato lo stesso identico metro sia con Matteo Salvini che con Luigi Di Maio (sulle rispettive fidanzate) e nessuno dei due si è lamentato, malgrado il leader della Lega fosse visibilmente seccato, e il ministro degli Esteri forse persino imbarazzato (su quell’immagine al mare, si erano fatte le ironie più spinte) . Tuttavia nessuno dei due ha gridato alla presunta aggressione inopportuna. E nel caso della Boschi, per giunta, c’era il tema della mancanza della mascherina.

Legittima la risposta difensiva della capogruppo (“Eravamo soli, ci stavano facendo un selfie”), legittima la domanda. Legittime le interruzioni della conduttrice di fronte al tentativo di attaccare pistolotti pseudo programmatici. Fra l’altro la Boschi ha spiegato: “Avevamo le mascherine, ce le siamo solo abbassate”, mentre dalle foto, francamente, appariva che ne fossero privi. Ma su questo giudicano gli spettatori, ascoltando le due campane: la Boschi ha avuto tutto il modo di spiegare e di spiegarsi.

Solo poche ore fa, fra l’altro, l’assessore alla sanità della Lombardia Gallera è stato linciato (giustamente) per i suoi selfie sorridenti (e ugualmente privi di mascherina) dopo la gita sul fiume. A me il punto sembra politico: la numero due di Italia Viva era lì come capogruppo di un partito che stava minacciando la crisi di governo, che annunciava di voler dare battaglia al suo stesso presidente del Consiglio, e lei si lamentava di non poter discutere “di contenuti”.

Tuttavia in mezz’ora ha parlato solo la Boschi, ha detto tutto e il contrario di tutto (gli altri ospiti quasi non sono intervenuti), ha spiegato per dieci minuti quello che le stava a cuore sul Recovery Fund (con l’aria non disinvolta – va detto – di certe studentesse alle interrogazioni programmate). La perla di Meb, a fine puntata, è stata la negazione di ogni tensione nella maggioranza quando ha concluso sicura: “Non c’è una minaccia di crisi di governo”. Ma come? Ma se da una settimana Italia Viva minaccia proprio questo? Forse, invece di criticare la Gruber, farebbe meglio a cambiare ghost writer.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare
Politica / Mille euro di bonus vacanze per chi si vaccina: la proposta di un deputato di Forza Italia
Politica / L’ex sottosegretario di Prodi in piazza contro il Green Pass: “Sono complottologo”
Politica / Brunetta: “Vorrei il vaccino obbligatorio per i dipendenti pubblici”
Politica / A settembre si rischia ancora la Dad: dai vaccini ai trasporti, i nodi irrisolti. "È già tardi"
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”