Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Bologna discute della legalizzazione della cannabis, il sindaco Lepore: “Giusto interrogarsi”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Bologna discute della legalizzazione della cannabis

“Sarebbe un errore non interrogarsi”: il sindaco di Bologna Matteo Lepore mette a tacere le polemiche scaturite dalla decisione di alcuni consiglieri della sua maggioranza, tra cui l’ex Sardina Mattia Santori, eletto con il Pd, di organizzare una serie di incontri volti a discutere della legalizzazione della cannabis.

Prima della serie di iniziative, chiamate “Cannabis talk”, è stata la presentazione del libro Mamma mi faccio le canne, avvenuta nel pomeriggio di giovedì 9 giugno. L’obiettivo dei consiglieri anti-proibizionisti è quello di parlare del tema attraverso il dialogo con gli esperti.

Iniziativa che trova d’accordo anche il sindaco della città, Matteo Lepore, che ha dichiarato: “Il dibattito su un tema come quello della Cannabis è utile se coinvolge famiglie ed esperti che possono aiutare a comprendere in profondità la questione. Se una città come Bologna non si interroga in modo aperto, competente e nuovo su un argomento come questo che i ragazzi tra di loro discutono quasi quotidianamente, commettiamo un errore. Mi auguro che da questo percorso escano spunti e iniziative positive, da intraprendere sotto il profilo culturale, educativo e anche sanitario”.

“Le politiche proibizioniste hanno fallito – ha invece dichiarato Mattia Santori – stiamo abbandonando i ragazzi a loro stessi, mentre per l’Oms la cannabis non è più una droga e l’Onu ne ha riconosciuto il valore terapeutico. I tre fallimenti del sistema si chiamano sanità, giustizia ed educazione”.

“A chi dice che dobbiamo vergognarci – ha aggiunto Santori in riferimento alle critiche partite dal centrodestra – che siamo indecenti perché parliamo di droga, che così facendo incentiviamo i giovani a fumare gli spinelli, rispondiamo con una domanda: vi siete mai chiesti perché i ragazzi si rivolgono ad Antonella Soldo (l’autrice del libro n.d.r.) invece che a Matteo Salvini e Carlo Giovanardi?”.

“Il tema c’è ed è inutile negarlo” ha affermato il consigliere comunale del M5S, Marco Piazza, mentre Simona Laghetti, consigliera di Coalizione Civica, ha sottolineato che: “Dove la cannabis è legale, se ne consuma meno, irresponsabile è continuare con campagne securitarie e non di colpevolezza”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”
Politica / Tensioni nel governo, Draghi vede Mattarella
Politica / Ius Scholae e cannabis, la Camera approva il rinvio alla prossima settimana