Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il sottosegretario Bitonci (Lega): “A casa ho una pistola sempre pronta e carica”

Immagine di copertina

Massimo Bitonci | Sottosegretario Lega | “Pistola pronta e carica”

BITONCI LEGA PISTOLA – Che la Lega sia favorevole ad agevolare l’acquisto e la detenzione di armi viene confermato anche dalle esperienze personali dei suoi esponenti, come il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci, che oggi, alla radio ha rivelato di avere a casa “una pistola sempre pronta e carica”.

Massimo Bitonci | ” A casa ho una pistola pronta e carica”

Nel corso del programma Un Giorno da Pecora, in onda su Rai Radio 1, il deputato del Carroccio, ha raccontato: “La pistola? La tengo in una cassaforte, ben chiusa, ho il porto d’armi e ogni tanto vado al poligono a sparare, quando posso. È una Smith&Wesson calibro nove per ventuno”.

Nel caso dovesse entrare in casa qualche malintenzionato – è stato fatto notare al parlamentare . lei ha la pistola pronta. “È sempre pronta, è sempre pronta e carica”, ha risposto Bitonci. Se entrasse qualcuno in casa, lei sparerebbe? “Questo è un tema delicatissimo. Per difendere i propri cari, si può arrivare anche a quello”.

> Cosa cambia con la legge sulla legittima difesa

Con la nuova legge sulla legittima difesa, uno dei cavalli di battaglia della Lega, approvata definitivamente in Parlamento a fine marzo è stato stabilito che la difesa è sempre legittima, ma resta il principio di proporzionalità. Ora la legittima difesa può scattare anche senza l’effettiva minaccia di un’arma e viene riconosciuta anche se ci si trova in uno stato di “grave turbamento”.

Viene sempre riconosciuta la sussistenza della proporzionalità tra offesa e difesa “se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi”, “usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità, i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Ti potrebbe interessare
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Politica / Decreto Ong: così la Lega punta a far tornare i Decreti Sicurezza
Politica / La Camera blinda la legge sull’aborto: votato un ordine del giorno in difesa della Legge 194
Politica / Caso Regeni, Tajani ribadisce la volontà dell’Egitto di collaborare: “Nessun tentennamento”
Politica / Mattarella al nuovo Csm: “L’indipendenza della magistratura è un pilastro della nostra democrazia”
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Meloni: Carlo Nordio il più ricco
Politica / Ucraina, Tajani: “Dall’Italia aiuti per 1 miliardo, invieremo il sistema missilistico Samp-T”
Politica / Renzi ha dichiarato 2,5 milioni lordi nel 2021: parte del patrimonio deriva dai contratti di consulenza