Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Berlusconi deluso da Toti e Carfagna, sogna un nuovo predellino. Il retroscena

Immagine di copertina
Credit: Tiziana FABI / AFP

L'ex premier contro i coordinatori nazionali di Forza Italia

Berlusconi deluso da Toti e Carfagna: il retroscena

Berlusconi sarebbe deluso dai nuovi coordinatori di Forza Italia Giovanni Toti e Mara Carfagna e starebbe pensando a un nuovo predellino.

L’indiscrezione arriva dal quotidiano La Repubblica, che riporta lo sfogo del fondatore di Forza Italia ai suoi fedelissimi.

Dopo la nomina di Giovanni Toti e Mara Carfagna come coordinatori nazionali del partito, infatti, la tanto agognata svolta non c’è stata. Non solo, Forza Italia sarebbe dilaniata da faide interne e lotte di potere: una situazione che Berlusconi non sopporterebbe più.

L’ex presidente del Consiglio, dunque, avrebbe messo nel mirino proprio i due neo coordinatori, colpevoli di aver deluso le aspettative e di non essere riusciti a invertire una tendenza che, anche secondo gli ultimi sondaggi, vede Forza Italia sprofondare sempre più giù, addirittura scavalcata da Fratelli d’Italia.

Secondo Berlusconi, Toti sarebbe “un violento”, mentre la Carfagna avrebbe solamente un obiettivo: la guida del partito.

Ecco perché l’ex premier sarebbe sempre più tentato da un nuovo predellino, ovvero dalla formazione di un nuovo movimento politico.

L’idea del Cavaliere, sarebbe, sempre secondo quanto ricostruito da La Repubblica, quella di lanciare una sorta di federazione che aggreghi tutte le forze moderate di centrodestra senza però sciogliere Forza Italia.

Un’idea alla quale starebbe lavorando nelle ultime settimane con Antonio Tajani e le capogruppo Bernini e Gelmini.

Intanto, nelle prossime ore Forza Italia è attesa da un appuntamento forse decisivo per il destino del partito.

Giovedì 1 agosto, infatti, verranno stabilite le nuove regole. Se le condizioni poste da Giovanni Toti, ovvero quelle di primarie aperte per la scelta di un nuovo leader e l’azzeramento della classe dirigente locale non dovessero essere accolte, Toti potrebbe pensare anche all’addio.

D’altronde, lo stesso presidente della regione Liguria qualche giorno fa aveva dichiarato: “Se non si cambia nulla, il mio mandato è inutile”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Politica / Nichi Vendola: “Torno in politica, l’esilio è finito”
Politica / Salvare le aziende di Berlusconi: ecco cosa c’è dietro la federazione tra Forza Italia e Salvini
Politica / Cristallo a TPI: "Ci chiamano tossici perché vogliamo la Cannabis legale. Salvini sbandierava i Mojito al mare"
Opinioni / Il paradosso di Confindustria (e di parte del governo): “C’è la ripresa quindi si può licenziare”