Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

L’appello di Goffredo Bettini a Matteo Renzi: “Guida la ‘terza gamba’ moderata, hai il talento per portarla al 10% e rafforzare il governo”

Immagine di copertina

L’appello di Bettini a Matteo Renzi: “Guida tu i moderati, può valere il 10%”

Goffredo Bettini, membro della direzione nazionale del Partito Democratico, lancia un appello a Matteo Renzi affinché guidi i moderati, costituendo una federazione di centro-sinistra che potrebbe “valere il 10%”. In un articolo pubblicato su Il Foglio, Bettini sottolinea come quello attuale sia un momento “decisivo della politica italiana”. L’esponente dem ribadisce che “Il varo del governo Conte due ha letteralmente salvato la Repubblica” ma sottolinea anche “ciò che è stato fatto nell’emergenza non basta più”. “Basta dire che se avesse prevalso la destra autoritaria di Salvini-Meloni l’Italia sarebbe alla deriva – afferma Bettini – Per il Covid e per la mancanza delle risorse europee che non sarebbe mai riuscita ad ottenere. La questione senza fronzoli è: saremo in grado ora di fare un passo in avanti? Di portare il Paese sui binari giusti e riscattarlo dalla crisi? Forse. Dobbiamo provare. E ancora provare. E dobbiamo utilizzare ogni spazio politico disponibile”.

Secondo Bettini, infatti, ci sono “prove immediate da superare” come ad esempio “l’immigrazione che scappa dal terrore delle crisi africane e che impone una politica coordinata dell’Italia con l’Europa. Il Covid che si sta riaffacciando, nonostante gli stolti negazionisti (ha fatto bene Conte a limitare le occasioni di contagio). L’apertura delle scuole, che va preparata al meglio e meglio” e, ovviamente, le risorse in arrivo dal Recovery Fund, che “riguarda il destino delle nuove generazioni”. Questi e altri motivi, come la riforma della legge elettorale (“Un patto che va rispettato, impiantandola almeno in un ramo del Parlamento prima del voto referendario”) secondo Bettini, richiedono un “salto” in avanti nel campo riformista. Tuttavia, per “fare il salto, c’è bisogno di realismo da parte di tutti”. “Il Pd è stato obbligato al rapporto con il Movimento 5 Stelle. Non c’era altra strada per recuperare un filo di speranza per la Repubblica. Renzi, che nel campo moderato è senza dubbio il leader più intelligente e svelto, lo ha capito in poche ore”.

“A coloro che il governo non piace, rispondo: c’è un’altra concreta via praticabile?” dichiara Bettini sottolineando, però, che c’è bisogno di “una nuova fase”. “Fino ad ora Conte nell’emergenza ha fatto bene e il Paese gliene è grato. Ma questo equilibrio non regge per il domani”. Ecco perché secondo Goffredo Bettini “Nell’alleanza servono tre gambe: la sinistra, il Movimento 5 Stelle e un area moderata, riformista e liberale che conta nell’opinione pubblica il 10%, ma che attualmente è spezzettata, afona e non rappresentata. Tale area è un bene se si dovesse unificare. Spetterà ad essa scegliere le alleanze. Dico solo che io la ritengo indispensabile, nello schieramento democratico. Darebbe maggiore ariosità, libertà, occasioni di confronto sulle idee; permettendoci di superare il rapporto solitario tra noi e i 5 Stelle, che alla lunga potrebbe diventare povero e persino stucchevole”.

A guidare quell’area, secondo l’esponente dem, dovrebbe essere l’ex premier Matteo Renzi: “Renzi ha accettato di stare pienamente dentro al processo politico italiano. Egli, se volesse, avrebbe tutto il talento di progettare questo nuovo spazio liberale e moderato, come il costruttore di questa possibilità, individuando i leader più adatti a guidarla. Sarebbe una svolta rispetto al suo ruolo di picconatore minoritario. Ritornerebbe ad essere, nonostante le sue sconfitte, una grande personalità della democrazia italiana. Sarebbe anche, una funzione più limpida e utile, rispetto alla tentazione di orchestrare manovre politiche o di condizionare il Pd, con il quale da poco ha deciso di rompere con durezza”.

Leggi anche: 1. L’Italia può farcela, ma la classe dirigente deve pensare alla storia e non ai propri interessi e carriere personali (di Goffredo Bettini) / 2. Coronavirus, Matteo Renzi a TPI: “Non mi rimangio nulla, la pandemia rischia di diventare carestia” / 3. Gori affonda Zinga: non è lui l’uomo giusto. Bettini risponde: “Ci ha tenuti uniti”

Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare
Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare
Politica / Mille euro di bonus vacanze per chi si vaccina: la proposta di un deputato di Forza Italia
Politica / L’ex sottosegretario di Prodi in piazza contro il Green Pass: “Sono complottologo”
Politica / Brunetta: “Vorrei il vaccino obbligatorio per i dipendenti pubblici”
Politica / A settembre si rischia ancora la Dad: dai vaccini ai trasporti, i nodi irrisolti. "È già tardi"
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”
Politica / Milano, il candidato sindaco del centrodestra ammette: “Porto la pistola con me in ospedale. Ne ho titolo”
Politica / Enrico Letta ringrazia Salvini: "Ha fatto bene a vaccinarsi"