Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Coglioncino” al posto di “maglioncino”: la gaffe di Lucia Annunziata e la reazione di Salvini

Immagine di copertina

La gaffe di Lucia Annunziata: “Coglioncino”. La reazione di Salvini

Matteo Salvini Lucia Annunziata, uno davanti all’altra nella trasmissione domenicale di Rai 3 “Mezz’ora in più”, quando all’improvviso la giornalista incappa in una gaffe: “Ci spiega perché si è messo il coglioncino… il maglioncino a collo alto?”, chiede introducendo il tema del look che il leader della Lega ha scelto nelle ultime settimane.

Nonostante la Annunziata si sia corretta immediatamente e abbia cercato di soprassedere, l’errore non è sfuggito ai telespettatori. E così in pochi minuti, sul web, l’hashtag #coglioncino è entrato tra i trending topic. Decine di utenti hanno rilanciato la gaffe della direttrice dell’Huffington Post, chiaramente un lapsus dovuto alla vicinanza tra le parole “maglioncino” e “collo”, unite in una crasi dall’effetto dissacrante e virale.

Lo stesso Salvini, nel pomeriggio, ha deciso di tornare sull’argomento, mostrando anche una certa ironia. “Vi ripropongo la mia intervista da Lucia Annunziata su Rai Tre, dove ho risposto anche alla curiosità sul motivo del maglioncino che indosso. Spoiler: fa freddo!”, ha scritto sui suoi profili social il segretario della Lega.

Poco dopo, l’ex ministro dell’Interno ha rilanciato nuovamente l’intervista sui social, con una battuta: “Di fronte al #coglioncino di Lucia Annunziata (può capitare!) ho cercato di rimanere impassibile! Comunque orgoglioso del mio…… maglioncino”, con tanto di faccine sorridenti.

Così, mentre a suon di hashtag la gaffe di Lucia Annunziata è diventata un vero e proprio tormentone sul web, alcuni utenti hanno affermato che non si è trattato di un semplice errore, ma di un lapsus freudiano. Dicendo “coglioncino” la giornalista avrebbe proiettato su quella parola tutta la sua avversione nei confronti di Salvini. Lo stesso segretario del Carroccio, però, ha deciso di prenderla con un sorriso.

Ecco il video in cui la Annunziata dice “coglioncino” a Salvini:

Questa, invece, la reazione “impassibile” di Salvini:

Leggi anche:

Il vuoto politico di un leader che cambia outfit come un influencer

Salvini prova a trasformarsi in Bertinotti per sedurre l’Emilia-Romagna (di Luca Telese)

Matteo Salvini sfida il ministro Gualtieri: a gennaio duello in tv

Salvini risponde a Mattia Santori su TPI: “Il leader delle Sardine non sa cos’è la democrazia

Ti potrebbe interessare
Politica / La conferenza stampa di Speranza, Bianchi e Giovannini
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Green Pass oggi: a che ora parla e dove vederla
Ti potrebbe interessare
Politica / La conferenza stampa di Speranza, Bianchi e Giovannini
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Green Pass oggi: a che ora parla e dove vederla
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Politica / Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2