18 motivi per cui non possiamo accontentarci di avere una donna alla presidenza del Senato

Immaginare tre donne nelle tre più alte cariche dello Stato (contemporaneamente) sembra impossibile. Eppure, per 12 volte nella storia della Repubblica italiana, sono stati tre uomini a ricoprirle

Di Anna Ditta
Pubblicato il 24 Mar. 2018 alle 17:29 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:27
0
Immagine di copertina
Alberti Casellati, la prima donna presidente del Senato.

Il 24 marzo 2018 il Senato italiano ha eletto per la prima volta una presidente donna. Si tratta di Maria Elisabetta Alberti Casellati, senatrice di Forza Italia eletta con il sostegno del Movimento Cinque Stelle.

Alberti Casellati viene eletta dopo che altre tre donne si sono alternate alla guida della Camera dei deputati: Nilde Iotti, che fu la prima a essere eletta alla guida di Montecitorio il 20 giugno 1979, aprendo la strada delle donne all’interno delle tre più alte cariche dello Stato; Irene Pivetti, eletta nel 1994 alla presidenza della Camera con la Lega Nord; e Laura Boldrini, eletta con Sel nel 2013.

La presidenza del Senato è rimasta invece prerogativa maschile fino ad oggi, quando per la prima volta la seconda carica dello Stato (che potrebbe subentrare temporaneamente al Capo dello Stato in caso di impedimento) è riservata a una donna.

Si tratta quindi di una conquista per le donne italiane, sulla quale non si può che gioire.

Eppure, pensando a questo grande evento a cui abbiamo assistito, tornano in mente le parole della giudice costituzionale statunitense Ruth Bader Ginsburg. A chi le chiedeva quando ci sarebbero state abbastanza donne nella Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, Bader Ginsburg rispondeva “quando ce ne saranno nove”.

La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America è composta da nove giudici.

Di fronte allo sgomento dei suoi interlocutori, la giudice faceva notare che per molti anni c’erano stati nella Corte nove uomini, e nessuno aveva mai fatto una piega.

Lo stesso potrebbe dirsi, oggi, per le tre più alte cariche dello Stato: per ben 12 legislature su 18 sono stati tutti uomini. In sei casi, quelli che abbiamo detto, una delle tre cariche è stata invece ricoperta da una donna.

Mai, in nessuna delle 18 legislature, ci sono state tre donne nei ruoli di presidente della Camera, del Senato e della Repubblica.

A molti sembrerebbe assurdo, se non impossibile, che questo accada. Eppure, per 12 legislature abbiamo avuto tre uomini in quegli incarichi. E nessuno ha fatto una piega.

Ci sono quindi 18 motivi per cui non possiamo accontentarci di avere una donna alla presidenza del Senato, ma dobbiamo puntare ad avere più donne a ricoprire questi importanti incarichi: per 18 volte non ci sono mai state tre donne contemporanemente.

Ecco l’elenco delle persone che hanno ricoperto la seconda e la terza carica dello Stato finora (i presidenti della Repubblica non li ho scritti, tanto li sapete e comunque sono tutti uomini):

I legislatura

Camera: Giovanni Gronchi

Senato: Ivanoe Bonomi – Enrico De Nicola – Giuseppe Paratore – Meuccio Ruini

II legislatura

Camera: Giovanni Gronchi – Giovanni Leone

Senato: Cesare Merzagora

III legislatura

Camera: Giovanni Leone

Senato: Cesare Merzagora

IV legislatura

Camera: Giovanni Leone – Brunetto Bucciarelli Ducci

Senato: Cesare Merzagora – Ennio Zelioli Lanzini

V legislatura

Camera: Sandro Pertini

Senato: Amintore Fanfani

VI legislatura

Camera: Sandro Pertini

Senato: Amintore Fanfani – Giovanni Spagnolli

VII legislatura

Camera: Pietro Ingrao

Senato: Amintore Fanfani

VIII legislatura

Camera: Nilde Iotti

Senato: Amintore Fanfani – Tommaso Morlino – Vittorino Colombo

IX legislatura

Camera: Nilde Iotti

Senato: Francesco Cossiga – Amintore Fanfani – Giovanni Malagodi

X legislatura

Camera: Nilde Iotti

Senato: Giovanni Spadolini

XI legislatura

Camera: Oscar Luigi Scalfaro – Giorgio Napolitano

Senato: Giovanni Spadolini

XII legislatura

Camera: Irene Pivetti

Senato: Carlo Scognamiglio

XIII legislatura

Camera: Luciano Violante

Senato: Nicola Mancino

XIV legislatura

Camera: Pier Ferdinando Casini

Senato: Marcello Pera

XV legislatura

Camera: Fausto Bertinotti

Senato: Franco Marini

XVI legislatura

Camera: Gianfranco Fini

Senato: Renato Schifani

XVII legislatura

Camera: Laura Boldrini

Senato: Pietro Grasso

XVIII legislatura

Camera: Roberto Fico

Senato: Maria Elisabetta Alberti Casellati

Elisabetta Alberti Casellati, quando la nuova presidente del Senato disse: “Lo Stato non può equiparare matrimonio e unioni civili”

Maria Elisabetta Alberti Casellati, chi è la nuova presidente del Senato

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.