Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ricordando il 3 ottobre 2013, Soumaila Diawara: “Nel Mediterraneo non c’è più nessuno perché sono tutti morti” | VIDEO

 

3 ottobre, Soumaila Diawara: “Nel mar Mediterraneo non c’è più nessuno”

Sono trascorsi sette anni da quando il 3 ottobre 2013 368 migranti persero la vita a ridosso delle coste di Lampedusa, nel naufragio che ha gettato i riflettori su un fenomeno fino a quel momento ignorato, perché i corpi dei morti rimanevano nei fondali del mare. Soumaila Diawara, poeta originario di Bamako, in Mali, giunto in Italia nel 2014 attraverso un barcone partito dalla Libia, ha ricordato la strage di Lampedusa nel corso della manifestazione che si è tenuta a Roma il 3 ottobre 2020 in piazza Santi Apostoli, organizzata dall’Associazione “Neri Italiani Black italians” e da tante realtà che si battono per il riconoscimento della cittadinanza agli italiani di seconda generazione, per l’abolizione dei decreti sicurezza e degli accordi tra Italia e Libia finanziati dall’Unione Europea.

“Credo che sia il momento che la politica prenda la sua decisione, prenda delle misure per evitare altri morti, perché sta dimostrando che l’umanità si sta spegnendo”, dichiara Soumaila a TPI. Sul palco legge una poesia che descrive un mar Mediterraneo ormai vuoto, in cui il “nero colpevole” è affondato o è “in carcere sull’altra sponda”, in Libia. “Potete girarvi e vedere pure senza occhiali”, assicura al pubblico che lo ascolta in piazza. “L’Europa deve capire che in mare non c’è più nessuno perché sono tutti morti. Se non vedono più nessuno non vuol dire che i migranti non partono più, ma che sono stati abbandonati. Ed il mar Mediterraneo è diventato un cimitero”.

Leggi anche: Lampedusa, l’ex sindaca Giusi Nicolini a TPI: “Oggi non è un giorno di memoria perché i migranti muoiono ancora”

Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Politica / La peggior legge elettorale di sempre? Ecco perché il Rosatellum allontana i cittadini dalla politica
Ti potrebbe interessare
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Politica / La peggior legge elettorale di sempre? Ecco perché il Rosatellum allontana i cittadini dalla politica
Politica / Stanlio & Broglio: ecco cosa c’è dietro il matrimonio d’interessi fra Calenda e Renzi
Politica / Crosetto a TPI: “La nostra fiamma è Giorgia Meloni, con lei Fdi arriverà al 30%. Io premier? Mai”
Politica / Covid, Renzi attacca Letta: "Noi con Draghi e Figluolo, tu con Arcuri e i russi"
Politica / Morto Niccolò Ghedini, senatore e avvocato storico di Silvio Berlusconi
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali