Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Tre modi diversi di essere impostore (di V. Magrelli)

Immagine di copertina
Credit: emanuele fucecchi

Tra i libri appena usciti, mi ha colpito l’allineamento di tre titoli, in apparenza simili ma in verità assai diversi fra loro. Il primo, di taglio psicologico-divulgativo, si deve a Florencia Di Stefano-Abichain (Vallardi). Pensavo di essere io… invece è la Sindrome dell’Impostore prova a spiegare «come trasformare il senso di inadeguatezza nel nostro migliore alleato». A scanso di equivoci, la fascetta recita: «Un percorso per far fiorire la nostra autostima». Quante volte, leggiamo, invece di godere di un successo ci ritroviamo sopraffatti da un ingiustificato senso di inadeguatezza? Proprio tale paura di essere «smascherati» è il classico sintomo della sindrome indagata in queste pagine.

Rispetto a quello di Di Stefano-Abichain, più articolato appare il saggio di Susannah Cahalan Il grande impostore. La missione segreta che ha cambiato la nostra idea di malattia mentale (Codice). Il volume ricostruisce le vicende di uno psicologo di Stanford, David Rosehan, che nel 1973 si fece ricoverare sotto falso nome in un istituto psichiatrico: voleva dimostrare che, in realtà, gli psichiatri non erano in grado di distinguere la follia dalla sanità mentale. Malgrado le numerose critiche che lo accolsero, il testo rappresentò una svolta nella storia della clinica, portando alla chiusura di molte strutture; il tutto sulla scia del lavoro teorico sviluppato qualche anno prima da Michel Foucault con la sua “archeologia” del sapere.

Arriviamo così al terzo e ultimo dei nostri studi, a cui, non lo nascondo, va la mia preferenza. Mi riferisco a Fenomenologia dell’impostore. Essere un altro nella letteratura moderna, di Giancarlo Alfano (Salerno). È possibile prendere il posto di qualcun altro, si chiede l’autore, fino ad acquisire i tratti della sua personalità? A differenza di quanto accadeva nel mondo antico, sin dal tardo medioevo l’impostore non fu più solamente chi assumeva il ruolo di una figura illustre ma anche chi si spacciava per una persona qualunque. Un perfetto sconosciuto poteva persino prendere il posto di un marito assente, come nel caso del contadino francese Martin Guerre, che nel XVI secolo fu vittima di un celebre “furto d’identità”. Siamo di fronte al sintomo di una crisi che giungerà fino ai giorni nostri con il moltiplicarsi di fenomeni connessi allo scambio di persona. Alfano sa tracciare un’autentica genealogia dell’impostura, ripercorrendo le vicende dei principali mistificatori nella letteratura europea. Ne emerge «una controstoria della soggettività occidentale» che spazia da Boccaccio a Shakespeare, da Molière a Diderot, da Rousseau a Melville, da Unamuno a Thomas Mann, su su fino a Carrère e Cercas. «Culture del segreto», «teorie della maschera»: basterebbe il quarto capitolo, dedicato all’immagine del cortigiano, per raccomandare questa lettura, insieme appassionante e nutritiva.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero