Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Lettere. L’Italia non fa più figli? Altro che immigrati, abbiamo bisogno di ben altro

Immagine di copertina

Caro Direttore,

Ho letto il commento dal titolo “L’Italia si spopola? Non servono solo più figli ma più immigrazione”, a firma di Elisa Serafini. I dati si possono commentare in vario modo. Non certo con la favola che ci vogliono più immigrati.  Si nasce di meno per il disagio economico del nostro paese, per il fatto che la donna che lavora porta in avanti l’età del concepimento dei figli e per il timore degli uomini di separazioni e divorzi che favoriscono da sempre la donna. Se non mutano le leggi, se non si toglie di mezzo il concetto assurdo del mantenimento del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, lo spopolamento continuerà.

Certo, gli immigrati che andiamo a prenderci sono tutti musulmani. Puoi star tranquillo che una donna musulmana partorirà decine di figli e sarà sempre sottomessa al marito, come le figlie, del resto, e non metterà mai il marito in difficoltà con separazioni e divorzi. A loro non importa nulla delle nostre leggi. Hanno la Sharia e la possibilità di ripudiare una o più mogli. L’islam è vincente rispetto al cristianesimo (indissolubilità del matrimonio a parte). In buona sintesi, non si tratta solo di divorzio breve o lungo. Ci vogliono leggi che non favoriscano separazioni e divorzi e che non mettano il marito a tappeto.

Immagina un matrimonio tra una giovane ed un operaio. Immagina che facciano tre figli. Immagina che la giovane si invaghisca di un altro uomo e che voglia separazione e divorzio. Immagina la sentenza e fammi sapere quanto rimarrà per vivere al povero operaio. E soprattutto quanti siano oggi coloro che siano disposti ad esporsi al rischio.

Lettera a firma di Antonio Carolei

Leggi anche:
Al Sud più emigrati che immigrati, è allarme spopolamento: ecco i dati del Rapporto Svimez
In Europa i piccoli paesi si stanno svuotando: reportage di TPI nelle aree rurali abbandonate di Italia, Francia e Spagna
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sempre dalla parte del più forte: così l’Italietta non riesce a far valere i suoi interessi all’Ue (di E. Basile)
Opinioni / I ragazzi di Caivano: ecco perché noi abbiamo deciso di ascoltare (di G. Gambino)
Opinioni / L’Italia imbarbarita e l’opposizione che non capisce
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sempre dalla parte del più forte: così l’Italietta non riesce a far valere i suoi interessi all’Ue (di E. Basile)
Opinioni / I ragazzi di Caivano: ecco perché noi abbiamo deciso di ascoltare (di G. Gambino)
Opinioni / L’Italia imbarbarita e l’opposizione che non capisce
Opinioni / Se anche Fratelli d’Italia si inchina a Zio Sam
Opinioni / Vi spiego perché Salvini è un bluff sulla sicurezza stradale (di A. Casu)
Opinioni / La Costituzione? Non va solo celebrata, ma attuata (di Nicola Zingaretti)
Cultura / Altro che revenge songs: basta dare un’occhiata alla Divina Commedia
Opinioni / L’imbarazzante snobismo della stampa contro Elly Schlein (di Giulio Gambino)
Opinioni / Il sorriso di Mimmo De Masi ci ha insegnato che la serenità è la forza più grande
Opinioni / Da Cutro a Caivano: l’umanità perduta
in un’Italia
che sa solo odiare (di R. Bertoni)