Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il caso Patrick Zaki e quell’abbraccio che fa male all’Europa (di L.Zacchetti)

Immagine di copertina
Emmanuel Macron abbraccia Abdel Fattah al-Sisi, nello stesso giorno in cui la detenzione di Patrick Zaki viene prolungata di altri 45 giorni EPA/YOAN VALAT

La calorosa accoglienza che il presidente francese Emmanuel Macron ha riservato al suo omologo egiziano Abdel Fattah Al Sisi stride con l'ennesimo prolungamento della detenzione di Patrick Zaki. L'Unione non può occuparsi solamente di questioni economiche, dimenticando il rispetto della dignità e dei diritti umani

L’abbraccio con il quale Macron ha accolto il presidente egiziano Al Sisi, in visita ufficiale a Parigi, mi ha provocato una forte sensazione di disagio. Al di là di quanto previsto dai protocolli diplomatici (e peraltro l’abbraccio non sempre è previsto, essendo poco gradito in alcune culture), il vero problema era la coincidenza della visita con l’ennesimo rinnovo dell’assurda detenzione di Patrick Zaki, prolungata di ulteriori 45 giorni. Ecco perché quel gesto, che in altre circostanze poteva anche essere simpaticamente informale, mi è sembrato sintomatico della perdurante debolezza dell’Europa.

Se vogliamo davvero opporre una visione costruttiva all’impeto distruttivo dei sovranisti, dobbiamo lavorare affinché l’Unione parli con una voce sola sui temi che caratterizzano il nostro tempo, dalle migrazioni ai cambiamenti climatici, passando ovviamente per il fondamentale rispetto dei diritti umani.

Le vicende di Zaki e Regeni non possono essere derubricate a esclusiva pertinenza italiana, ma d’altra parte, per ciò che riguarda i rapporti con l’Egitto dobbiamo essere noi i primi a farsi un esame di coscienza. Mentre organizzazioni umanitarie come Human Rights Watch e Amnesty International denunciavano all’opinione pubblica la gravità della situazione, della quale Regeni e Zaki sono purtroppo solo due casi tra i tanti, si consolidavano i rapporti tra i governi che si sono succeduti in Italia e quello di Al Sisi, la cui prima visita all’estero da presidente è stata proprio nel nostro Paese.

Non siamo certo gli unici ad avere importanti interessi in comune con l’Egitto, il cui ruolo è fondamentale sia sul piano economico che nello scacchiere geopolitico. Il congelamento del business turistico per via del Covid-19 è efficacemente compensato dal fiorire di progetti che ne fanno un mercato appetibile per diverse industria nei settori dei trasporti, della logistica, dei servizi e dell’oil and gas.

Entro il primo trimestre del 2021 è previsto il riavvio – dopo otto anni – dell’impianto di liquefazione di Damietta. L’annuncio dei relativi accordi è avvenuto proprio in corrispondenza con l’attesa per la decisione sul caso-Zaki, per la cui libertà si era inutilmente spesa anche Scarlett Johansson. La proprietà dell’impianto è di SEGAS, società partecipata al 40% da Eni, attraverso Union Fenosa Gas (al 50 per cento tra Eni e Naturgy). Ed è proprio Eni il principale produttore di gas in Egitto, ragione per cui questo progetto riveste un’importanza fondamentale sia per l’azienda italiana che per l’economia locale.

Lo stesso si può dire dei tanti business internazionali che si vanno concentrando dal Nilo al Mar Rosso, oltretutto in una fase storica nella quale la difficile congiuntura economica spinge a cogliere al volo tutte le opportunità presentate dal mercato. Sfruttarle nel migliore dei modi non è solo necessario, ma anche “sano”, in un’ottica di sviluppo.

Tuttavia, questo non può prescindere dalla capacità di tenere il punto con fermezza sui requisiti minimi che l’Europa chiede a chi vuole farne parte e che deve esigere anche dai propri interlocutori. Se i valori fondanti sono in vendita, le fondamenta della casa comune non possono essere solide. E il crollo è difficile da scongiurare.

Leggi anche: 1. Regeni, l’Egitto non collabora e abbandona l’inchiesta nel silenzio di Conte e Di Maio; // 2. Regeni, la procura di Roma è pronta al processo agli 007 egiziani. Ma il governo italiano teme al-Sisi;// 3. L’appello dei genitori di Giulio Regeni per lo studente arrestato in Egitto: “Governi tutelino incolumità Zaky”; // 4. Patrick Zaky, gli affari con l’Egitto possono diventare un’arma per l’Italia //; 5. Il direttore Eipr a TPI: “Patrick Zaky trasferito nel carcere di massima sicurezza Tora”
6.  Studente arrestato in Egitto, testimonianza esclusiva dal Cairo: “Vi racconto il vero motivo per cui hanno incarcerato il mio amico Patrick”; 7. “Torturato per ore, Al Sisi lo faccia tornare in Italia”: la collega dello studente arrestato in Egitto a TPI; 8. ESCLUSIVA TPI: ecco le accuse contro Patrick George Zaki, lo studente arrestato oggi in Egitto
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)