Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Cara Meloni, lascia da parte destra e sinistra: la Casa delle donne è un presidio di democrazia

Immagine di copertina
Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia. Credit: Facebook

Meloni, la Casa delle donne è un presidio di democrazia

È una storia significativa il travaglio della Casa internazionale delle Donne di Roma, perché racconta perfettamente fin dove scivoli la politica quando diventa tifo.

C’è di mezzo un debito (sono 936.980 euro) e c’è la valutazione dei servizi offerti dalla rete di associazioni che si occupano di donne in difficoltà: la valutazione fatta dagli uffici tecnici dell’assessorato al Patrimonio del Comune di Roma nel marzo 2015 certifica che la Casa offre gratuitamente al territorio servizi per un valore di circa 700mila euro. Per questo i 300mila euro raccolti nel crowdfunding sarebbero, secondo le responsabili della Casa, una pacifica chiusura del debito pregresso.

 

Il tema sostanzialmente sarebbe tutto di natura amministrativa, finanziario e di valutazione dell’impatto sulla città, ma quando la politica si mette in testa di combattersi giocando sulla pelle dei cittadini accade che una leader di partito come Giorgia Meloni, peraltro donna e vittima anche lei di violenze come ha raccontato qualche giorno fa, possa addirittura esultare per il blocco dei fondi alla Casa da parte del Ministero delle Finanze scrivendo grossolanamente che sarebbe stato “un oscenità del PD” e definendo la Casa come “associazione di sinistra che si trova nello stesso collegio nel quale il Ministro è candidato” e infine tuonando “non si usano Istituzioni per comprare consenso”.

In sostanza, non si discute dell’ondata di femminicidio che sta attraversando l’Italia, non si discute dei servizi che la Casa offre alle donne in difficoltà sostituendo di fatto le istituzioni che mancano, non si discute nemmeno della storia della Casa e di tutte le iniziative che ha messo in campo in tutti questi anni: no, ciò che conta è che se non sono elettori del partito giusto allora meritano di scomparire. Così, in scioltezza.

 

A dire il vero risulta anche piuttosto inconsueto che la Meloni non sapesse che l’emendamento con cui si salvava la Casa era stato depositato dai parlamentari di Italia Viva e la leader di Fratelli d’Italia deve essersi persa l’entusiasmo con cui la sindaca di Roma Virginia Raggi twittava felice che “la Casa internazionale delle Donne è salva” grazie “a un emendamento condiviso tra M5S e altre forze politiche”.

Viene molto facile, nella politica tracimata in tifo, bollare come marchette iniziative e associazione che hanno fatto la storia della città. Ciò che invece è complicatissimo è poi ricostruire sulle macerie. E qualcuno esulta per le macerie della Casa, addirittura.

 

Leggi anche:
Giorgia Meloni (FdI): “Il paese è pronto a una donna premier. Non mi tirerei indietro”
Casa Internazionale delle donne, la presidente Francesca Koch a TPI: “Il Comune non ci risponde, ma la Casa è più viva che mai”
“Virginia Raggi non conosce la Casa Internazionale delle donne, ma vuole sfrattarla”. Intervista a Monica Cirinnà
Giorgia Meloni: “Io vittima di uno stalker, sono terrorizzata per me e la mia bambina”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La stampa nel mirino e quei giornalisti uccisi in Ucraina e a Gaza per chiudere gli occhi del mondo sulle guerre
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Opinioni / Legge, ordine e manganelli (di M. Cirinnà)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La stampa nel mirino e quei giornalisti uccisi in Ucraina e a Gaza per chiudere gli occhi del mondo sulle guerre
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Opinioni / Legge, ordine e manganelli (di M. Cirinnà)
Opinioni / La democrazia non è solo contare i voti ma un insieme di regole e meccanismi (di S. Mentana)
Opinioni / Basta armi: serve un’Europa non allineata (di Yanis Varoufakis)
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Opinioni / Ilaria Salis va difesa. Ma non dimentichiamo le nostre ingiustizie
Opinioni / La colpa è sempre del padrone? Perché sui cani che uccidono la questione è prima di tutto culturale
Opinioni / Pace e reddito: così la Sinistra tornerà credibile (di F. Dolce)