Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Giorgia Meloni (FdI): “Il paese è pronto a una donna premier. Non mi tirerei indietro”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 6 Feb. 2020 alle 11:49
16k
Immagine di copertina
La presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa di presentazione del candidato del centro destra per le suppletive, Roma, 3 febbraio 2020. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Giorgia Meloni (FdI): “Il paese è pronto a una donna premier. Non mi tirerei indietro”

Giorgia Meloni non si tira indietro e si dice pronta alla leadership del centrodestra e a un’eventuale candidatura come premier. Se dovesse accadere, la presidente di FdI potrebbe essere la prima premier donna in Italia.

Meloni, che in questi giorni è a Washington, dove incontrerà Trump ed esponenti repubblicani e democratici in occasione della 68esima edizione del National Prayer Breakfast, non sconfessa comunque l’accordo con la coalizione, guidata da Matteo Salvini.

“È giusto il metodo seguito finora delle primarie di fatto”, ha spiegato Meloni in un’intervista a Repubblica. “Il leader del partito che ha più voti nella coalizione è il candidato naturale alla premiership”.

“Io sono realista”, aggiunge. “Ma se un domani gli italiani decidessero diversamente, non mi tirerei indietro. È una sfida che fa tremare i polsi, l’ho detto, ma sarei pronta. E penso che il Paese sia pronto a una donna premier, ancor più a una presidente della Repubblica donna. In Europa funziona già così”.

Meloni negli Usa

Giorgia Meloni è arrivata ieri negli Stati Uniti per la 68esima edizione del National Prayer Breakfast importante appuntamento annuale a Washigton, inaugurato nel 1953 dal presidente Dwight Eisenhower. Molto atteso al forum di quest’anno è l’intervento del presidente Usa Donald Trump, che parlerà per la prima volta dopo l’assoluzione votata ieri dal Senato a seguito del procedimento di impeachment.

“Sarà una settimana densa di impegni internazionali per Fratelli d’Italia”, ha spiegato Meloni appena arrivata nella capitale Usa. “Dopo l’apertura a Roma della conferenza internazionale sul conservatorismo, ora siamo a Washington ospiti del National Prayer Breakfast per incontrare personalità che arrivano da tutto il mondo”.

Per Meloni,, una grande occasione per confrontarsi a tutto tondo con diverse realtà. “È possibile anche per l’Italia avere un governo che difenda l’interesse nazionale italiano ma non rinunci ad avere relazioni con il resto del mondo. Ed è esattamente quello su cui lavora Fratelli d’Italia”, ha spiegato la leader di FdI, vista anche negli Usa come una leader in ascesa nel panorama politico italiano.

Il quotidiano parigino Le Monde le ha dedicato intanto un ampio articolo intitolato “Giorgia Meloni, volto del postfascismo italiano”, in cui si sottolinea come sia in crescita l’indice di apprezzamento della leader di Fratelli d’Italia nei sondaggi, con una “popolarità personale superiore a quella di Matteo Salvini”.

Leggi anche:

Meloni a TPI: “Fratelli d’Italia vola perché dice cose chiare, il mio modello è Orban”

Giorgia Meloni tra i 20 personaggi che potrebbero cambiare il mondo nel 2020 secondo il Times

Sondaggi politici elettorali oggi 6 febbraio 2020: scende la Lega, sale Fratelli d’Italia. Male Pd e M5S

16k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.