Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La mancata candidatura di Conte apre le prime crepe nel Pd: Letta di nuovo nel mirino dei dem

Immagine di copertina

Al Nazareno, il giorno dopo “la colossale beffa” (così la definisce un parlamentare dem), ci si lecca le ferite, occhi bassi e nessuna dichiarazione pubblica. Peraltro ieri Enrico Letta si è ben guardato dal rilasciare dichiarazioni in merito. Segno che al Nazareno c’è un problema.

E dire che ieri mattina l’accordo con Conte sembrava cosa fatta, qualche rilievo era venuto soltanto dal ministro Guerini che aveva avvertito i vertici del partito sulla impraticabilità della proposta ed i rischi ad essa connessi. Ma già nel primo pomeriggio TPI era in grado di rivelare che qualcosa non stava andando per il verso giusto e che la candidatura Conte era a forte rischio ripensamento. Poi a marcare il salto di qualità Carlo Calenda, che ha fiutato la grande (ed insperata) occasione per un ennesimo “bagno di visibilità”, riuscendo a demotivare completamente Giuseppe Conte.

A preoccupare ora al Nazareno sono i risvolti della battaglia persa. “Il re è nudo”, sostiene un senatore “abbiamo parlato per mesi di un campo largo ma nei fatti abbiamo lavorato per un piccolo cortile marginale. Unirsi a Conte (con buona pace di Bettini il suo più grande e forse unico estimatore) significa portarsi dietro solo una piccola minoranza dei gruppi parlamentari 5 Stelle. Inutile poi aggiungere che per il Quirinale, l’unica carta che ha il segretario è quella dell’incoronazione di Draghi, la più invisa dai suoi alla Camera ed in Senato. Se andassimo ad elezioni anticipate, il trionfo del centrodestra sarebbe assicurato, Pd e 5 Stelle insieme andrebbero incontro ad un flop colossale”.

Questo il vero retroscena delle ultime ore. Insomma, la segreteria Letta dopo i primi mesi di navigazione tranquilla (anche grazie ad un’insperata vittoria alle amministrative dovuta soprattutto all’incapacità delle attuali leadership di centrodestra) comincia a mostrare tutti i suoi limiti: “Diceva di voler scoprire le carte per il Quirinale solo a gennaio ma in realtà le ha già bruciate tutte” commenta un autorevole deputato dem, “a cominciare da quella prediletta, il Mattarella bis”.

Una totale imperizia che sta mettendo a repentaglio la credibilità dell’intero Pd. L’unico dirigente che ha conservato capacità di lettura dei fatti politici ed equilibrio è Lorenzo Guerini, il ministro della Difesa. Il tema vero è quanto durerà la sua pazienza.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1