Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Accogliamoli tutti, i libanesi (di Luca Telese)

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Adesso accogliamoli tutti, davvero. Accogliamoli tutti, i libanesi. Tutti quelli che vorranno venire in Italia, cioè, ma prima di chiunque altro donne e bambini. I libanesi sono un popolo operoso, orgoglioso, produttivo, di grande laicità, e di radici culturali profonde nella storia del Mediterraneo. Molti di loro avranno bisogno di una quarantena lontani da Beirut, molto di loro avranno bisogno di tempo e luoghi per far decantare il trauma, molto vorranno far evaporare i veleni, gassosi e politici che questa bomba ha liberato nell’aria. Non sono migranti economici, sono profughi. Molto di loro punteranno dritti sulla Francia, parlano una lingua affine alla nostra.

Ebbene, i libanesi oggi, sono come i siriani di ieri: la migliore generazione di cervelli, di commercianti, di professionisti, di laureati, di artigiani che si possa immaginare. Hanno a loro volta accolto due milioni di profughi, sul loro territorio, negli scorsi anni senza battere ciglio. Hanno dato tutto, ora è il momento di restituire. Hanno metabolizzato due guerre con Israele, hanno voglia di tornare prima possibile a casa loro, ma ora non possono. Sono immigrati potenzialmente temporanei, che hanno bisogno della nostra solidarietà, come gli italiani dopo i terremoti. Stavolta non permettiamo che qualcuno – che si trova in questa condizione di temporanea necessità – debba arrivare da noi con i barconi, rischiando la pelle senza motivo: questa volta, dopo la piccola Hiroshima di Beirut facciamo vedere che siamo solidali.

Abbiamo mezza italia con gli alberghi vuoti, spieghiamo all’Europa che possiamo accoglierli noi, costringiamo a farci finanziare questa missione. Restituiamo qualcosa di quello che ci è stato dato. Mandiamo a quel paese i razzisti dell’Illinois che si metteranno o che si metterebbero a blaterare. Aiutiamo a ricostruire mattone dopo mattone. Facciamo capire che in questo caso comanda l’obbligo della solidarietà, non l’ossessione dell’egoismo vigliacco. Questa volta, dunque, accogliamoli davvero tutti: i libanesi, i pochi o tanti che saranno disposti a venire, per il tempo (anche breve) che sarà necessario: non lasciamo ad altri, come fu per la Merkel, la possibilità di assorbire le migliori energie del Mediterraneo. Prendiamo questa generazione prolifica, come un esempio, noi che siamo a crescita zero.

In Libano c’è già un pezzo di Italia, che è arrivato con la nostra spedizione militare, abbiamo già fermato un conflitto feroce, completiamo l’opera: mettiamoci in prima fila. Questa volta non si può essere di nuovo lassisti e distratti. Questa volta non si può subire l’egemonia culturale della Lega e dei signori No. Questa volta non si può fare quello che è giusto, magari di contrabbando, o magari vergognandosene. E nemmeno lasciare che Macron vada da solo a Beirut, mentre l’Europa è in ordine sparso, a fare il condottiero. Accogliamoli, e non per boldrinismo buonista, ma per lungimiranza e necessità solidale. Abbiamo già il corridoio umanitario con Beirut aperto, facciamo in modo che si riempia presto. E soprattutto: ricordiamo che non lo facciamo per loro. Non solo per loro. Ma soprattutto per noi.

Leggi anche: 1. “L’esplosione di Beirut è una tragedia annunciata, quel porto è il simbolo della corruzione in Libano” / 2. “A Beirut, come a Damasco, è morta la speranza”: parla lo scrittore siriano Shady Hamadi / 3. Libano, esplosione al porto di Beirut: incidente o attentato? Tutte le ipotesi 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Opinioni / La lezione del centrodestra a Pd e M5S: per vincere bisogna anche saper costruire un’alleanza (di S. Mentana)