Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Italia Viva pretende 4 ministeri: ma non aveva detto che le interessava solo il programma?

Immagine di copertina
Matteo Renzi e Maria Elena Boschi

“Non è una questione di poltrone, non ci interessano le poltrone, quello che conta è il programma”: è stata la frase più ripetuta dall’inizio di questa crisi di governo e tutti si aspettavano (meglio, speravano) che davvero questi giorni di consultazioni fossero un’esplosione di idee sul futuro del Paese, sulle priorità da discutere e su innovativi piani per uscirne tutti presto, tutti meglio.

Del resto sarebbe stato il minimo sindacale non assistere alla sfrenata corsa a questo o a quel ministero, almeno per non farsi attanagliare dalla sensazione di perdere tempo prezioso per i piccoli egoismi dei piccoli capi di piccoli partiti. E invece la cronaca di queste ultime ore del mandato esplorativo di Roberto Fico è tutto un assembramento di posizioni, di ministeri, di rivendicazioni, posti da occupare e presunzioni di credersi determinanti.

Gli ultimi aggiornamenti del desolante quadro dicono che il PD vorrebbe mantenere tutti i suoi ministri, magari aggiungendone uno che dovrebbe essere Andrea Orlando; il M5S non vuole cedere posti anche se ormai da quelle parti sanno tutti che la missione sarà impossibile; Conte (nel caso in cui si vada verso il Conte ter) vorrebbe tenere i suoi uomini; poi ci sono i cosiddetti “responsabili” che ovviamente pur volendo passare da costruttori frugano tra le macerie per trovarsi un posticino, si bisbiglia che sia Tabacci e che potrebbe finire alla Famiglia.

E poi ci sono loro, quelli di Italia viva, quelli che non erano interessati alle poltrone e invece si accapigliano chiedendone addirittura 4. Gli sventolamenti di Maria Elena Boschi sono una significativa cartina di tornasole: ieri è stata data in mattinata come nuova ministra della Difesa, poi al Mise o alle Infrastrutture, poi si racconta che abbia furiosamente litigato con Renzi che intanto spingeva per Elena Bonetti al Lavoro o all’Interno o all’Università o all’Agricoltura.

Solo per intervento del Quirinale Italia viva non ha preteso il ministero all’Economia che dovrebbe rimanere saldo a Gualtieri. Il M5S intanto per i suoi equilibri interni spinge Buffagni, magari spostando Patuanelli e assiste all’autocandidatura di Vito Crimi (capo politico che avrebbe dovuto essere pro tempore e invece rimane saldissimo da mesi).

E il programma? Quello si abbozzerà di corsa, nel caso, pronto per essere declamato e per nascondere il mercimonio sui nomi. E poi ricominceranno la solfa del cambio di passo, della ripartenza, delle priorità e di tutto il resto. Sotto sotto, intanto, s’accapigliano sui nomi e sulle poltrone. Quelle poltrone che non interessavano a nessuno.

Leggi anche: 1. Basta assurdi egoismi, rendiamo pubblici i brevetti per produrre i vaccini anti-Covid / 2. Rendiamoci conto: con questa crisi si torna a parlare di Berlusconi presidente della Repubblica / 3. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Altro che body shaming, la prima palestra italiana per sole donne sembra più un’operazione commerciale
Opinioni / Il mio ricordo di Antonio Pennacchi, l’anticonformista ribelle rosso e nero (di L. Telese)
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Altro che body shaming, la prima palestra italiana per sole donne sembra più un’operazione commerciale
Opinioni / Il mio ricordo di Antonio Pennacchi, l’anticonformista ribelle rosso e nero (di L. Telese)
Opinioni / Dopo il disastro Lombardia col Covid, Fontana parla ancora di velocità lombarda
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola