Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il green pass lede il diritto al lavoro o tutela la salute? Due opinioni a confronto

Immagine di copertina

È giusto imporre l’obbligo di green pass per i lavoratori? Rispondono Pietrangelo Buttafuoco e Marco Revelli

È giusto obbligare i lavoratori ad avere il green pass? Pietrangelo Buttafuoco e Marco Revelli rispondono a cinque domande sulle nuove regole introdotte dal governo per arginare la pandemia di Covid-19 e favorire il rientro nei luoghi di lavoro.

L’obbligo di green pass per i lavoratori limita il diritto costituzionale al lavoro?

PIETRANGELO BUTTAFUOCO “Nella maggior parte dei casi – parlo anche per la mia esperienza di lavoro – il green pass non è sufficiente: lo devo accompagnare sempre al tampone. Ma allora che senso ha? Così è soltanto una scartoffia burocratica che insieme al diritto al lavoro lede anche la pazienza”.
MARCO REVELLI: “No, l’obbligo del green pass è una tutela per i lavoratori stessi. Chi non si vaccina viene meno a un dovere di cura di se stesso e degli altri, ma può continuare a lavorare sottoponendosi a tamponi ogni due giorni”.

Il governo avrebbe fatto meglio a imporre l’obbligatorietà del vaccino?
BUTTAFUOCO: “Sarebbe stata una presa di responsabilità veloce. Come quella che i più anziani come me hanno conosciuto attraverso l’obbligo militare: venivamo siringati senza avere informazioni né tantomeno dare il nostro assenso”.
REVELLI: “L’opzione dell’obbligatorietà del vaccino è più che legittima e non confligge con la Costituzione: esistono già molti vaccini obbligatori. Quella del green pass è un’opzione in più che è stata data a chi è refrattario alla vaccinazione”.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La mancata candidatura di Conte apre le prime crepe nel Pd: Letta di nuovo nel mirino dei dem
Opinioni / Vademecum per capire la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia
Opinioni / Il curioso caso di Renzi e Calenda: sono fuori dal Pd, ma pretendono di mettere bocca sulle candidature dei dem
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La mancata candidatura di Conte apre le prime crepe nel Pd: Letta di nuovo nel mirino dei dem
Opinioni / Vademecum per capire la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia
Opinioni / Il curioso caso di Renzi e Calenda: sono fuori dal Pd, ma pretendono di mettere bocca sulle candidature dei dem
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Opinioni / Italia Viva non vuole il contributo di solidarietà perché punisce i ricchi, ma la realtà è che odiano i poveri
Opinioni / Conte pronto a un passo indietro: l’ex premier convinto che la sua candidatura a Roma sia una trappola
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)