Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La Germania chiude, l’Italia apre. E ci prendono in giro su un’ora di differenza di coprifuoco

Immagine di copertina
Lockdown in Germania Credits: ANSA

Mentre il Governo italiano si spacca sull’orario del coprifuoco, in Germania la Merkel sfodera il pugno di ferro e si prepara a imporre una nuova stretta per arginare il virus. Con curve dei contagi abbastanza simili e con campagne vaccinali, più o meno equivalenti, le due Nazioni europee sembrano divergere in maniera sostanziale sulle misure da adottare per contrastare una possibile quarta ondata.

Se in Germania le scuole sono aperte sono per gli alunni dell’asilo e delle ultime classi del Liceo, in Italia ci prepariamo, anche se con qualche retromarcia, a riaprire le classi, anche delle Superiori, in quasi tutte le Regioni, il prossimo 26 aprile.

Dopo aver monitorato per settimane l’andamento della variante inglese, fonte di preoccupazione principale rispetto all’aumento dei contagi negli under 20, improvvisamente abbiamo valutato come “gestibile” l’eventuale rischio connesso alla riapertura delle Secondarie, mettendo sotto al tappeto l’ormai acclarato nesso tra contagi e scuola in presenza.

Nel magico spazio temporale che inghiotte le sedute del Consiglio dei Ministri dalla realtà contingente, sono spariti i problemi derivanti dagli assembramenti di adolescenti in entrata e uscita, e le problematiche legate all’insufficienza dei mezzi di trasporto. Nonché le preoccupazioni riguardo la circolazione delle ben note varianti inglesi e brasiliane, ormai cadute nel dimenticatoio, in nome del dio delle riaperture che reclama il posticipo del coprifuoco alle 23.

Come se fosse normale, con oltre 16mila contagi (stimati, non effettivi) e 360 decessi, preoccuparsi di allungare l’orario di apertura dei ristoranti.
Ma nel magico mondo della propaganda Made in Italy è essenziale salvare il rientro a scuola, a un mese dalla fine, per portare a casa il consenso dell’opinione pubblica.

Nella Germania della Merkel, a quanto pare, si preferisce non barattare la salute pubblica con l’approvazione popolare e si procede in maniera totalmente opposta a quanto deciso qui da noi. Qui da noi è tutta un’altra storia, ma ci piacerebbe se non fossero i posteri a decretarne l’ardua sentenza. Ma le responsabilità di un Governo davvero coeso e orientato al bene comune.

Leggi anche: 1. Draghi a TPI: “Faremo debito buono. Stellantis? Dossier non è aperto”; // 2. Come cambia il colore delle regioni: Campania in zona arancione, la Sicilia evita il rosso; // 3. Dal 26 aprile ristoranti aperti anche a cena, tornano i cinema: arriva il “giallo rafforzato”; // 4. Draghi: “Dal 26 aprile torna la zona gialla. Riaprono scuole e attività all’aperto”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / È giusto imporre l’obbligo di green pass per i lavoratori? Cinque domande a Pietrangelo Buttafuoco e Marco Revelli
Opinioni / Vittorio Feltri choc: celebra lo stupro di Genovese come fosse un’impresa e confonde “stuprare” con “scopare”
Opinioni / Regeni, il processo si incaglia per volere di Al Sisi e il governo italiano si dichiara parte civile: ci fate così ingenui?
Ti potrebbe interessare
Opinioni / È giusto imporre l’obbligo di green pass per i lavoratori? Cinque domande a Pietrangelo Buttafuoco e Marco Revelli
Opinioni / Vittorio Feltri choc: celebra lo stupro di Genovese come fosse un’impresa e confonde “stuprare” con “scopare”
Opinioni / Regeni, il processo si incaglia per volere di Al Sisi e il governo italiano si dichiara parte civile: ci fate così ingenui?
Opinioni / Giorgia Meloni come Diletta Leotta: aggrappate al pubblico peggiore (di S. Lucarelli)
Opinioni / Il populismo non è un’ideologia, è un metodo. Usato anche dalle élites (di S. Mentana)
Opinioni / La restaurazione fascista avanza: l’attacco alla Cgil ne è la prova (di N. Urbinati)
Opinioni / Da Avanguardia Nazionale a Forza Nuova: il romanzo dell’estrema destra italiana
Opinioni / Governo assente ingiustificato (di Giulio Gambino)
Opinioni / No, il Tapiro d’oro ad Ambra Angiolini non è satira, ma becero gossip sulla pelle di una donna tradita
Opinioni / Il 30% del cibo prodotto in tutto il mondo viene buttato. La soluzione? Il “reddito alimentare”