Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il razzismo nasce dalla mancanza di empatia. Lo dice la scienza

Immagine di copertina

Per combattere razzismo e violenza insegniamo l’empatia

Le proteste Usa contro l’omicidio di George Floyd riconsegnano all’opinione pubblica un dato spesso poco considerato: il razzismo esiste. E probabilmente per contrastarlo bisogna partire da una nuova domanda: non più “cosa causa il razzismo” ma come è possibile combatterlo, costruendo società realmente aperte e inclusive.

Ciò che veniva identificato nemico, diverso, straniero, è stato considerato, per secoli, un pericolo da evitare e combattere. Prima della costruzione di società evolute, che commerciavano e scambiavano beni e persone, chi presentava tratti somatici, colore della pelle, lingue o costumi stranieri era, semplicemente, un nemico da cui difendersi. Si tratta quindi di una condizione originale, primitiva e profondamente incompatibile con la società di oggi. Il sentimento razzista non è l’unica dinamica anti-sociale presente nella nostra società. La storia dell’uomo è costellata da guerre di conquista, violenza, genocidi e tra epoche storiche e Paesi non vi sono grandi differenze.

A parlarne in un’importante analisi è il neuroscienziato Simon Baron Cohen, che in un suo libro intitolato “Zero degrees of empathy” ha tracciato una cronologia delle dinamiche della violenza e della discriminazione, dalle tribù più antiche al genocidio nazista, fino ai raid di stupri di gruppo e omicidi subiti e compiuti da tribù “rivali” in Africa.

Cohen identifica, in quanto psicologo clinico, alcuni elementi ricorrenti nei comportamenti violenti o contrari alla società, riconducibili, in sintesi, alla mancanza di empatia. Nel caso di George Floyd, cittadino innocente ucciso dalla barbarie dell’agente di polizia (e dai suoi complici), la discriminazione razziale rappresenta un’aggravante della violenza. Un’aggravante che è considerata tale in qualunque ordinamento di paesi democratici che presentano sistemi normativi evoluti.

La coesistenza di sentimenti razzisti, fenomeni di discriminazione e una certa “accettazione” della violenza portano, ancora oggi, ad assistere a episodi inaccettabili e forse impensabili per una società evoluta. Nel suo libro, Cohen identifica quella che sembrerebbe essere la causa scatenante dei comportamenti violenti, discriminatori e anti-sociali: l’incapacità di potersi immedesimare nell’altro, nel poter immaginare emozioni, dolore o sofferenza. In sintesi, la mancanza di empatia.

L’empatia è però considerata una capacità e come ogni capacità, con le doverose cautele, può essere insegnata con diversi possibili gradi di successo, a seconda della condizione di origine del soggetto e di altri fattori socio-ambientali. Uno dei Paesi che più ha scommesso su un approccio educativo all’empatia è il Giappone: l’empatia (kyokan) viene incoraggiata fin dalle elementari, con insegnamenti diretti ed indiretti.

In Europa il caso più conosciuto è quello della Danimarca, dove viene svolta un’ora obbligatoria alla settimana di insegnamento all’empatia, nella quale gli studenti dai 6 ai 16 anni vengono incoraggiati a condividere i loro problemi e pensieri (scolastici e non), con l’obiettivo di far familiarizzare i più giovani con le emozioni dei loro coetanei. Oltre il razzismo, vi è quindi un problema che riguarda, in generale, la violenza e i comportamenti anti-sociali, ma questa non è una novità per nessuno.

Laddove però il razzismo diventa motore di violenze, è necessario intervenire per evitare che queste possano diffondersi ulteriormente. Se l’obiettivo di uno Stato è quello di garantire la serenità e sicurezza dei suoi cittadini, il contrasto al razzismo e ad ogni forma di violenza e discriminazione deve essere considerato una priorità costituzionale. Combattere il razzismo è un dovere, lavorare per una società più integrata è una responsabilità delle società evolute.

Leggi anche:

1. George Floyd, Fedez criticato sui social lancia un appello agli artisti: “Prendete posizione anche in Italia” / 2. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa / 3. George Floyd, l’autopsia indipendente smentisce quella delle autorità: “Morto per asfissia”

4. Usa, quei poliziotti che si uniscono alle proteste: “Marciamo insieme” | VIDEO 5. George Floyd, il capo della polizia di Houston a Trump: “Se non hai nulla di costruttivo da dire chiudi quella bocca” / 6. Morte Floyd, a Washington lacrimogeni sui manifestanti per aprire la strada a Trump

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero