Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Gallera fatto fuori: la Lega si prende la Lombardia ma per la Sanità non cambia nulla

Immagine di copertina

Il rimpasto nella Giunta Fontana vede la definitiva uscita di scena dell'ormai ex assessore al Welfare, per il quale si ipotizzava il declassamento a sottosegretario. Ma Letizia Moratti è la persona giusta per guidare un efficace cambio di rotta?

Sarebbe bello pensare di vivere in un Paese meritocratico, nel quale chi ha competenze fa strada e chi sbaglia invece paga. Purtroppo l’esperienza ci dice che non sempre è così e che la politica non fa certo eccezione, anzi.

Attenzione, quindi, a non giudicare la vicenda Gallera in maniera troppo superficiale: è pur vero che l’ormai ex assessore al Welfare ha commesso tanti errori, ma il suo rapido declino dall’ipotesi di una candidatura a Sindaco di Milano fino alla totale estromissione dal governo della Lombardia va spiegato in altro modo, purtroppo.

Gallera fa parte di un partito, Forza Italia, che sta attraversando una grave crisi di consenso e nemmeno al suo interno pare di aver mai colto un sostegno particolarmente caloroso nei suoi confronti, fatta eccezione per i pochi che gli sono stati vicini anche nei momenti più difficili. Magari avrebbero potuto consigliarlo meglio, evitandogli alcune gaffe, ma almeno sono stati leali.

In politica stare da soli è una sorta di controsenso molto pericoloso: o si è veramente dei fuoriclasse (ma nemmeno Maradona vinceva le partite da solo) o si è esposti a ogni sorta di rischio. E Gallera certamente non è Maradona, ma, come ho già avuto modo di spiegare, non è nemmeno la causa di tutti i numerosi problemi della sanità lombarda.

Ora è veramente facile dire che si cambia perché ce n’è la necessità e che si sceglie una persona che ha capacità manageriali. Chi conosce queste cose più approfonditamente non fatica a cogliere il paradosso: Letizia Moratti si è occupata di molte cose (con esiti che lascio al giudizio del lettore), ma mai di sanità. E il suo ruolo è politico, esattamente come quello di Gallera, mentre i dirigenti che firmano gli atti sono e saranno ancora gli stessi, salvo decisioni al momento non note.

La narrazione è fondamentale e in questo Salvini è oggettivamente bravo. Ma se si gratta la patina e ci si spoglia dai bias ideologici, si coglie in pieno l’essenza di una scelta tanto cinica in quanto politicamente azzeccata, nel senso che coglie un duplice obiettivo: rilanciare l’immagine della Giunta Fontana, decisamente scricchiolante per tutto quello che è successo nell’ultimo anno, e nel contempo consolidare il ruolo della Lega come assoluto dominus della coalizione.

L’obiettivo principale, però, dovrebbe essere la tutela della salute di noi lombardi, considerando anche che le nostre tasse tengono in piedi una Regione il cui bilancio ha proprio nella Sanità la sua voce principale.

Una delle sue principali criticità, da ben prima che Gallera irrompesse sulla scena, è il rapporto tra pubblico e privato: la neoassessora Moratti è la persona giusta per risolverlo? E quali saranno i correttivi che applicherà, da domani mattina, per fare in modo che i vaccini per il Covid-19 siano distribuiti puntualmente? E quelli per l’influenza, che stiamo ancora aspettando? E cosa cambierà nella gestione delle RSA? Come potenzierà la sanità territoriale? Cosa pensa della Legge 23? E, visto che la fiction “SanPa” ha avuto il merito di riaccendere il dibattito sul tema, come intende muoversi sul fronte della lotta alle tossicodipendenze e delle patologie ad esse correlate? Se da privata cittadina sostiene l’iniziativa privata (cosa peraltro encomiabile), cosa farà nel suo nuovo ruolo?

Questi sono i punti focali che chi governa la Lombardia dovrebbe assumere come prioritari. E sarà su questi temi che misureremo l’operato di Letizia Moratti, la quale pare nutrire molta fiducia in se stessa, al punto che già ora guarda al 2023 pensandosi come possibile erede di Fontana. Noi, invece, giudicheremo a tempo debito, sulla base dei risultati oggettivi. Esattamente come abbiamo sempre fatto con Gallera.

Leggi anche: 1. Lombardia, mandare via Gallera non basta: deve cambiare l’intero modello / 2. Un anno di Gallerate: tutte le gaffe (e gli attacchi a TPI) dell’assessore lombardo

Ti potrebbe interessare
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Ti potrebbe interessare
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Opinioni / Patrick Zaki: la vergogna per il tuo 30esimo compleanno in cella non ha un luogo per nascondersi
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / L’altra faccia dello sfruttamento: i migranti servono ad arricchire i paesi occidentali, dell’Africa non importa a nessuno
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra