Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Draghi al Quirinale e un politico a Palazzo Chigi: ecco le condizioni dei partiti per mandare il premier al Colle

Immagine di copertina

Visto il rapporto di grande amicizia tra i due, difficile pensare che non abbiano concordato le mosse. Nello stesso giorno Giuseppe Conte e Goffredo Bettini escono con due proposte diverse per il futuro presidente della Repubblica ma univoche nell’indicare una soluzione alternativa a quella di Mario Draghi al Colle.

Una sintonia che si rinnova tra l’ex-premier e uno dei suoi sostenitori più accesi. Una doppia mossa che dà voce a quanti tra M5S e dem nutrono dubbi sul passaggio del premier da Palazzo Chigi al Quirinale. L’uscita di Conte poi – che propone una figura femminile per il Colle – scuote il patto, siglato nei giorni scorsi, con Pd e Leu per un percorso comune in vista del voto sul presidente della Repubblica.

Quanto a Bettini, la sua indicazione per un esponente politico piuttosto che un tecnico al Colle – circolano i nomi di Dario Franceschini e Pier Ferdinando Casini – non coincide esattamente con la linea del segretario Letta che tra i leader è sembrato quello meno chiuso all’ipotesi di Draghi al Colle. Ma è davvero possibile che la disponibilità di Mario Draghi venga completamente ignorata ed i grandi elettori si ispirino al motto Franceschiniano “tutti tranne lui”?

Ed ancora, è proprio possibile che nessuno neanche tra i leader che lo hanno voluto in tutti i modi a Palazzo Chigi si muova per garantire all’ex governatore l’ascesa al Quirinale? Sono alcune delle domande (affatto retoriche) che iniziano a diffondersi nei capannelli alla Camera, mentre i deputati perdono tempo in attesa di essere liberati con il voto sulla legge di bilancio.

“Io credo che un leader in queste ore”, confessa un parlamentare del Centro, “lette anche le parole di Goffredo Bettini, stia lavorando di buona lena per portare un grande accordo complessivo che riguardi il Quirinale e Palazzo Chigi, con una scelta che premi il presidente del Consiglio ma che lasci alla politica i suoi spazi a Palazzo Chigi”.

Ma chi sarebbe questo leader? Secondo i soliti bene informati si tratterebbe di Matteo Renzi, in questi giorni attivissimo sul fronte Quirinale. È lui che sta meditando di prendere l’iniziativa. “Nel giro di qualche giorno Matteo uscirà allo scoperto lanciando ufficialmente la candidatura di Mario Draghi” rivelano dal giro stretto renziano. Renzi, dopo aver portato Draghi a Palazzo Chigi sta ora seriamente meditando (dopo l’infatuazione per Casini e Amato) di essere lui a portarlo al Colle. C’è bisogno però di un accordo di legislatura che metta in sicurezza il governo ma soprattutto che lo faccia ritornare in mani sicure, quelle della politica.

In pratica lo schema di cui si sta discutendo in zona bouvette prevederebbe un grande compromesso dove Draghi riuscirebbe a conquistare il Colle, i partiti si riprenderebbero la presidenza del Consiglio e con essa la gestione dei soldi del Pnrr (con tanti saluti a Franco e agli altri tecnici), ed i grandi elettori otterrebbero la agognata garanzia della fine naturale della legislatura.

In mezzo al ragionamento in via di definizione c’è naturalmente anche la legge elettorale. Per emergere tale piano ha bisogno di una precondizione: che salti la candidatura di Silvio Berlusconi che sta imbrigliando il centrodestra.

A quel punto, il nome di Draghi potrebbe essere portato da due leader, uno dei quali sarebbe lo stesso presidente di Forza Italia che si ritaglierebbe così un ruolo da kingmaker. Ed otterrebbe un posto di senatore a vita che lo riabiliterebbe agli occhi del mondo intero.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente