Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

“Non ci saranno novità”: il Quirinale gela i partiti, che sperano ancora nel bis di Mattarella al Colle

Immagine di copertina

“Non aspettatevi novità, non ci saranno nuove prese di posizione” fanno sapere ambienti del Quirinale a proposito del discorso del Capo dello Stato che Sergio Mattarella terrà a fine anno. Tutta la politica guarda a quel momento per capire le reali intenzioni del presidente e se ci dovessero essere clamorose novità.

Ma dal giro stretto del “capo” emerge che la strada ormai è tracciata: del bis non ne parla e non se ne parlerà nemmeno nel discorso di fine anno. Insomma, i partiti (ed anche alcuni consiglieri del Quirinale che fino all’ultimo ci hanno sperato e che ora sperano in Cartabia o Gentiloni per rimanere al loro posto) possono mettersi l’anima in pace: Sergio Mattarella non cambierà idea rispetto al “no” al bis già pronunciato. Anche con chi ha avuto modo di sentirlo per gli scambi di auguri in queste ultime ore il mantra è stato sempre lo stesso: “Ho detto no ed è no”.

Ciononostante la politica continua a coltivare il sogno del Mattarella bis anche perché non appare minimamente in grado di esprimere in tempi ragionevoli un presidente del Consiglio che possa prendere il posto di Mario Draghi qualora salisse al Colle ed avrebbe problemi, come peraltro sta già accadendo, anche ad individuarne un nome alternativo per il Quirinale.

Nel frattempo Mario Draghi non perde tempo e lavora per sbarrare il passo a Giuliano Amato, l’unico che sta raggranellando consensi a destra come a sinistra e potrebbe “minacciarlo” seriamente (l’ex socialista sconta però il forte No di Meloni e dei 5 Stelle e il “ni” di Salvini e Renzi mentre ha con sé i centristi, una buona parte del PD e anche Berlusconi).

E proprio per questo nella conferenza stampa di fine anno l’ex presidente Bce ha fatto capire di essere disposto a rimanere a Palazzo Chigi a patto però che venga trovato un nome per il Colle condiviso da questa stessa ampia maggioranza. E l’ex socialista difficilmente ce la farebbe ad essere eletto dall’intera maggioranza di governo.

Giuliano Amato, anche se è ben lontano dal “quorum”, al momento è l’unico vero competitor di Mario Draghi per la successione di Sergio Mattarella. Più indietro ci sono Berlusconi e Casini. Così, proprio per questo, Mario Draghi ha pensato bene di far sapere “urbi et orbi” che se la maggioranza si spacca e il presidente della Repubblica viene eletto da una “compagine” diversa da quella che sostiene l’attuale governo, allora quest’ultimo non può rimanere in piedi. Draghi ha voluto inviare un messaggio inequivocabile: o mandate me al Quirinale oppure trovate un altro nome da votare tutti insieme. Facile, no?

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)