Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

L’America rimanda a casa Trump. Joe Biden vince grazie al Covid

Immagine di copertina
Credit: Fucecchi/TPI

Stavolta si può dire davvero: ha vinto Joe Biden. E ha vinto perché ha avuto un alleato feroce, implacabile e prezioso: il Covid.
È stato il virus ha intaccare il mito dell’uomo forte, fino a tramutarlo – malgrado la guarigione dalla malattia a tempo di record – nella Storia di un leader vulnerabile. È stata l’emergenza Covid a distruggere il capitale di consenso di una ripresa portentosa, è stato il Corona Virus a produrre i due grandi esiti di questa campagna elettorale: lo spostamento dei lettori anziani e delle donne scolarizzate, nel campo dell’opposizione al Trumpismo.

Malgrado questo la campagna di Trump è stata tecnicamente perfetta: candidato repubblicano ha combattuto come un leone, ha messo il proprio corpo nella battaglia senza rete, senza risparmiarsi, in modo addirittura spericolato. Trump conosceva la sua America, e l’ha mobilitata perfettamente. Il punto è che mentre questo accadeva, gli anticorpi dell’Altra America, mobilitavano un altro esercito, contro di lui, di segno e forza speculari ed opposti. Biden non ha cancellato l’inedita carta geografica del consenso che il trumpismo ha disegnato nella società postmoderna. Non ha ribaltato la fiducia conquistata negli Stati della ruggine: ma questa minoranza di massa, arrabbiata, aggressiva e credula, ha prodotto quello che con a Hillary Clinton non era accaduto. Un rigetto. Biden non è stato l’artefice di questo processo, ma ne è stato il catalizzatore. Il suo volto botulinizzato, la sua aria démodé, la sua anzianità incolore lo hanno reso il nome giusto per non respingere nessuno dei diversissimi fiumi di opposizione carsici che la presidenza carismatica e dispotica di Trump aveva alimentato. E a questi affluenti lunghi ha aggiunto l’ultima e decisiva famiglia politica: quella dell’americano medio spaventato dalla spericolatezza, dalla sfrontatezza, dall’imprevedibilità.

È così che alla fine l’evento che diventa il punto di svolta è stato davvero quella malattia, il modo in cui il presidente l’ha affrontata. Ed è forse questo il fenomeno più interessante dal punto di vista mediatico: la fiaba superonistica del Regeneron guaritivo ha esaltato gli ultras ma non ha tranquillizzato la classe media, non l’ha rassicurata dai suoi timori esistenziali. È stata una salvazione individuale, prodigiosa, ma non è stata una catarsi collettiva. Il racconto del presidente combattente, non è mai diventato quello di un re taumaturgo capace di cambiare il destino di un’intera nazione, non ha convinto gli americani, che il Trumpismo potesse vincere anche la lunga e drammatica guerra del Covid.

Leggi anche: 1. Il golpe mediatico (con fanfara) di Trump; // 2. Trump è un eversivo. Ma censurarlo non è figo, è da idioti

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Opinioni / Patrick Zaki: la vergogna per il tuo 30esimo compleanno in cella non ha un luogo per nascondersi
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)