Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Altro che partiti fuori dalla Rai: le nuove nomine sono degne del miglior “manuale Cencelli”

Immagine di copertina

Ha perso Conte, ha vinto Fratelli d’Italia: si potrebbe riassumere così la concitatissima giornata di oggi dedicata alle nomine Rai. Perché se è vero che formalmente si approveranno in Cda domani, di fatto le ore cruciali sono state quelle di stamattina, con nomi che andavano e venivano come fossero coriandoli e la possibilità, fino all’ultimo, che saltasse tutto.

Tanto che tra i consiglieri del Cda già girava una battuta: ” Più che Fuortes è deboles….”. Ma tant’è, alla fine il dado è stato tratto. I vincitori della partita? Sono due, più un “grande sconfitto”. Il primo vincitore è Palazzo Chigi che piazza Monica Maggioni al Tg1, stimatissima dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Garofoli. Ma non ce l’avrebbe mai fatta se l’Usigrai non avesse fatto le barricate contro le “papesse” esterne.

Ce ne erano in lizza almeno tre e tutte graditissime anche a Palazzo Chigi. L’altro grande vincitore è Giorgia Meloni che ha avuto quanto chiesto a Mario Draghi nell’incontro riservato rivelato da TPI: Giorgia chiedeva una direzione di rete oppure una direzione di testata. Ha avuto una direzione di testata, Rainews 24 con Petrecca, considerato per l’appunto in “quota Meloni” (“avevamo 3 vicedirettori nei tg: Rao alla TGR , Petrecca a Rainews 24 e Polimeno al Tg1” spiegano a TPI fonti del partito tricolore).

Il grande sconfitto? Giuseppe Conte che viene “respinto con perdite” senza nemmeno dare uno strapuntino di ripiego in questo giro di nomine all’ex direttore del Tg1 Carboni. Ora quest’ultimo dovrà aspettare le “tre proposte” da parte dell’Ad per ottenere un nuovo incarico. Insomma, per Mario Draghi la “decontizzazione” delle istituzioni (passata per i “servizi”, il Covid, le grandi aziende di stato e altro ancora) prosegue senza sosta.

In tutto questo marasma, oltretutto, non è affatto scontato che domani il Cda Rai (tra i consiglieri serpeggia non poco malumore per non essere mai stai interpellati e per essersi visti scavalcati sistematicamente dai consiglieri di Palazzo Chigi nelle trattative) dia via libera a tutto il pacchetto di nomine, degno del miglior “manuale Cencelli”; con buona pace di chi diceva, addirittura in interviste pubbliche, che la politica era finalmente uscita dalla Rai.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero